Uno striscione per denunciare la mattanza degli animali: "Hanno ucciso i nostri gatti con il veleno"

A denunciare l'accaduto è il proprietario: continuano gli appelli dei cittadinio affinchè non si abbassi la guardia contro i bocconi avvelenati

Uno striscione con tutta l'indignazione di un cittadino che ha scritto a Perugiatoday per denunciare la strage di animali causata dai bocconi killer. Risale solo a pochi giorni fa il nostro servizio su un nuovo strumento legale per la tutela degli animali, ed è lo stesso proprietario a rendere noto di essersi rivolto in loro aiuto per fermare questa barbarie.

Nasce una nuova figura in Umbria in difesa degli animali: anche loro potranno avere un avvocato

"Abbiamo messo questo striscione "natalizio" per provocare l'omertà di chi sa e copre l' assassino , e per far capire quanto ci sentiamo isolati da una piccola comunità dove scegliemmo di traslocare proprio perchè pensavamo di vivere una vita sociale ed umana , fuori dai mega condomini di 50 appartamenti di relazioni anonime in città". 

La denuncia: "Hanno sparato al mio gatto, ora rischia di perdere una zampa"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Un mesetto fa abbiamo trovato i nostri due gatti morti avvelenati, con una emorragia dal naso, dolorosissima. Chissà quanto hanno sofferto prima di morire-spiega addolorato il proprietario-  accertata dal veterinario, con denuncia all'Asl. Non abbiamo potuto individuare i bocconi, perchè l' assassino ha goduto di fortunati acquazzoni che hanno sciolto eventuali prove. Circa 6-8 mesi fa abbiamo trovato per ben tre volte bocconi avvelenati ( prontamente accertati da analisi della Asl) di cui l' ultima volta due uccelline morti con appallottolato dentro il veleno. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

Torna su
PerugiaToday è in caricamento