Torna Amanda in Italia. A Modena ospite del festival della Giustizia con il ruolo vittima

L'annuncio ufficiale arriva dagli organizzatori dell'appuntamento sulla giustizia. Prima visita a Milano - interviste in programma - poi l'intervento sul suo processo. Non saranno fiori e cioccolatini i suoi giudizi su Perugia, media e la giustizia di casa nostra

Se Amanda Knox deve convivere con gli spettri della sua pemanenza perugina fatta di poche settimane di libertà ed università e di ben 4 anni di carcere a Capanne, anche Perugia, dopo la campagna mediatica subita, il gemellaggio freddo con gli storici amici di Seattle, le iscrizioni universitarie a picco, deve imparare a convivere con la ragazza americana che resta sotto i riflettori e che ora è addirittura ospite speciale di un importante festival italiano sulla giustizia.

Eh già Amanda Knox, dopo infiniti processi, tra condanne  e assoluzioni, oggi libera dall'accusa di omicidio della povera e senza giustizia Meredith Kercher, tornerà in Italia per raccontare la sua tribolata storia giudiziaria a Modena, sabato prossimo, al Festival della Giustizia. Sarà protagonista il 15 giugno per la sessione "il processo mediatico". Arriverà giovedì a Milano. Si parla di interviste mirate. Comunque vada, sicuramente, Perugia e il suo sistema giudiziario saranno certamente al centro dei suoi pensieri. Altra cattiva - e forse ingiusta - fama di ritorno. Dovremo farcene una ragione, conviverci e andare avanti anche perchè Perugia non è quella città di brutti, sporchi e cattivi che certe pellicole americane, pro Amanda, hanno mandato in onda. La ragazza di Seattle, tramite il suo staff, avrebbe negato un ritorno, anche in pieno anonimato, a Perugia.

Come invece ha fatto l'altro grande accusato di quella storia, Raffale Sollecito. La famiglia della vittima di Meredith, attraverso l'avvocato Maresca, ha fatto sapere che la presenza al Festival è "inopportuna" e che "Amanda dovrebbe tenersi stretta la sentenza di assoluzione senza cercare consensi mediatici". 

Sono passati 12 anni, da quella notte di autunno del 2007, eppure la convivenza con quel dolore appare difficile ancora oggi. Persino via della Pergola, l'area del delitto, ha cambiato nome per dimenticare. Eppure dobbiamo imparare a convivere con Amanda, a partire da sabato prossimo.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, tragedia lungo la strada: inutili i soccorsi, muore a 48 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

  • La favola di Ferragosto: mamma Cristina e il piccolo Lorenzo più forti delle complicazioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento