Alluvione 2013, arrivano i fondi dopo i danni a Perugia: ecco come fare

Una opportunità per famiglie ed imprese che è conseguenza della dichiarazione dello stato d'emergenza deciso il 30 giugno 2014 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Stabilite le modalità e i parametri per accedere ai fondi per i privati, nonché alle attività economiche e produttive i cui beni sono stati danneggiati a seguito degli eventi alluvionali verificatisi tra novembre 2013 e febbraio 2014. Tale opportunità è conseguenza della dichiarazione dello stato d’emergenza deciso il 30 giugno 2014 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e della successiva ordinanza 180/2014 del Capo Dipartimento della Protezione civile Gabrielli.

I soggetti interessati dovranno far pervenire al Comune l’istanza per la richiesta dei citati contributi entro e non oltre la data del 13/10/2014. I modelli da compilare sono reperibili sul sito dell’Ente, www.comune.perugia.it, o contattando l’U.O. Ambiente e Protezione Civile, in Str. Santa Lucia 2 o al 0755773251.

I beni per i quali può essere richiesto il contributo sono, per i privati, gli edifici per i danni riguardanti  gli elementi strutturali, le coperture, gli impianti, gli infissi e le finiture; per le attività economiche e produttive per il ripristino delle strutture, degli impianti, dei macchinari, delle attrezzature, nonché per il prezzo di acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il vice sindaco Barelli, che ha la delega alla Protezione civile, nell’invitare gli aventi diritto a presentare la domanda nei termini stabiliti, evidenzia che questa iniziativa si inserisce in un più vasto progetto di manutenzione del territorio in fase di redazione da parte dell’Amministrazione comunale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento