Allarme bomba in una scuola di Perugia: strane scritte trovate sui muri

Attimi di panico per gli allievi di una scuola che sono stati costretti a evacuare l'edificio per poi poterci rimettere piede solo un'ora e mezzo dopo

“C’è una bomba nella scuola”. Un secondo, poi la comunicazione viene interrotta. Quella voce di donna arriva dall’altro capo del telefono. Nessuno dice niente per un momento. Immobilizzati tentano di comprendere il da farsi. Poi la corsa. L’evacuazione. Tutti fuori dalla scuola. Non c’è tempo da perdere, soprattutto dopo quelle scritte arabe trovate sui muri dell’istituto scolastico la stessa mattina (ieri - 26 febbraio).

Una manciata di minuti. Gli allievi sono composti sul giardino della scuola secondaria di primo grado l’ex “G. Marconi - M. Grecchi”. Attendono cosa fare. Attendono che gli insegnanti dicano loro se possono rientrare in classe o meno. È prima necessario effettuare i dovuti controlli. Verificare la veridicità della notizia.  Non è la prima volta che a San Sisto accade un episodio del genere. Già la scorsa settimana qualcuno aveva alzato il telefono lanciando lo stesso identico allarme.

Ma questa volta la storia è diversa. Ci sono, infatti, quelle scritte che imbrattano l’edificio e che sono state di buon mattino analizzate dagli inquirenti, per poi essere rimosse alla bel che meglio dagli insegnanti con lo scopo di non terrorizzare gli allievi. Tra profili social tenuti sotto controllo dalla Digos di Perugia e scritte arabe che appaiono all’improvviso, forse frutto di una bravata, Perugia rimane con il fiato sospeso, anche se appare del tutto impossibile, o meglio impensabile, che l’estremismo islamico stia mettendo radici anche nel piccolo capoluogo umbro, non nuovo però a terroristi come Mostapha El Korchi, Imam di Ponte Felcino, arrestato in non lontano 2010. 

Rimane di fatto che qualcuno deve essersi però solo divertito a spaventare studenti e insegnanti, dato che quella bomba in realtà non è mai esistita. Ci sono volute un’ora e mezzo e un controllo minuzioso prima che si potesse rimettere piede all’interno della scuola. Poi tutto come prima. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento