Guida come un folle ubriaco e drogato alle 3 del pomeriggio e centra una famiglia in auto

Il giovane aveva perso il controllo dell'auto, invaso la corsia opposta e fatto un frontale con una vettura che sopraggiungeva. Dagli esami era al limite del coma etilico

Affronta la rotatoria delle Quattro torri con il piglio del rallysta, ma in uscita sbanda, controsterza, invade la corsia di marcia opposta e centra in pieno un’auto con una famiglia a bordo. Dai controlli in ospedale era emerso che il giovane guidava ubriaco e sotto l’effetto di cannabinoidi e cocaina.

L’incidente si era verificato alle tre del pomeriggio. Arrivati sul posto i vigili urbani avevano trovato le auto distrutte, la famiglia ancora all’interno dell’abitacolo e in stato di choc. Il giovane era seduto sul marciapiede e appariva molto confuso, tanto da non rispondere neppure alle domande degli agenti. Il personale medico intervenuto sul posto appurava che i componenti della famiglia non presentavano la necessità di un ricovero al Pronto soccorso, mentre per il giovane disponevano subito il trasporto in ospedale.

Finiti i rilievi dell’incidente ed effettuato il test precursore sul conducente dell’auto che trasportava la famiglia (esame negativo), gli agenti si recavano in ospedale per sentire il giovane e controllare gli esami. Dall’analisi del sangue emergeva che il giovane aveva un tasso alcolemico di 2.92 e aveva fumato marijuana e assunto cocaina un paio d’ore prima dell’incidente.

Da qui la denuncia per lesioni, nei confronti del giovane italiano, difeso dall'avvocato Franco Libori, guida in stato di ebbrezza e sotto l’effetto di stupefacenti e diverse violazioni al codice della strada.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Incidente lungo la E45, 23enne in gravissime condizioni: è in prognosi riservata

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • Perde il controllo del ciclomotore e finisce a terra, muore a 43 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento