Aggredita studentessa a Piazzale della Cupa: preso il rapinatore

Una giovane studentessa è stata aggredita con dei pugni sul viso presso le scale mobili di Piazzale della Cupa, ma le indagini della polizia hanno portato al rapido arresto del responsabile

Una giovane studentessa, frequentante l'Università di Perugia, è stata brutalmente aggredita nella serata di giovedì, quando intorno alle 22:00 circa, si trovava a Piazzale della Cupa nei pressi delle scale mobili che conducono al centro.

A quel punto è stata avvicinata da un cittadino magrhebino che, dopo esserle passato accanto tornava sui suoi passi e cogliendola di sorpresa, le sferrava dei pugni al volto, le strappava la borsa che aveva a tracolla e si dava alla fuga. La studentessa veniva soccorsa dalle Volanti e accompagnata all'Ospedale dove le venivano riscontrate contusioni e lesioni con prognosi di 30 giorni.

L’autore della brutale aggressione, durante la fuga veniva ostacolato da una ragazza straniera di passaggio che, per bloccarlo, lo faceva cadere a terra riuscendo così a recuperare la borsa della rapinata prima del magrhebino che scappava facendo perdere le proprie tracce.

Così, gli investigatori della Squadra Mobile acquisivano sul posto elementi utili per le indagini che venivano sviluppati fino a raccogliere indizi inequivocabili sull'individuazione dell’autore del reato che veniva ricercato nei luoghi del centro storico solitamente frequentati dai magrhebini gravitanti nello spaccio/consumo di stupefacenti.

Lo straniero veniva quindi notato e rintracciato sabato pomeriggio dagli Agenti della 2^ Sezione in Largo Porta Pesa. L'uomo, peraltro, tentando di fuggire si dirigeva in via XIV Settembre ove scavalcava la ringhiera che delimita la via dalla sottostante via Enrico dal Pozzo e si lanciava al di sotto, dove veniva raggiunto e bloccato. Il cittadino tunisino è stato indagato, in stato di fermo di p.g., per il reato di rapina.

Condotto in Ufficio, il nordafricano rendeva ampia confessione per l’accaduto e dai riscontri A.F.I.S., si identificava per A.A. , nato il 29.10.1983 in Tunisia, sedicente, che, come noto, la sera dell'8 maggio scorso, in Piazza Danti, veniva ferito alla testa e all’addome da alcuni cittadini albanesi datisi alla fuga, ma successivamente tutti identificati da indagini condotte dalla Squadra Mobile e dai Carabinieri del Comando Provinciale.

Nella circostanza, subito dopo, un folto gruppo di cittadini maghrebini, tutti identificati dalla Squadra Mobile nella specifica attività di indagine, armati di oggetti contundenti e spranghe, aggrediva le forze di polizia presenti e provocava danneggiamenti all’arredo urbano e ad alcune vetrine di varie zone del centro storico. Sono in corso i riscontri circa i recenti analoghi episodi di aggressioni a passanti accaduti in città per i quali gli investigatori stanno verificando un eventuale coinvolgimento dell’indagato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Foligno, scoperto cadavere lungo la strada: indagano le forze dell'ordine

  • Auto distrutta nell'incidente provocato da un cane libero sulla E45: "Aiutatemi a trovare i padroni"

  • Ferrari 488 Pista, dalle corse alla strada: monta il motore V8 3.9 turbo, venduto a Perugia uno dei pochi esemplari prodotti

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

  • Mantignana, donna trovata morta in un appartamento: le indagini dei carabinieri

  • A Città di Castello apre il ristorante-pizzeria Food Art: mangi e leggi libri e fumetti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento