Aeroporto, FlyVolare (no no): silenzio di tomba, niente voli e mezzo milione di euro da recuperare in fretta

La proroga di 30 giorni sulla scadenza del 3 settembre concessa da Sase, la società che gestisce l’aeroporto, alla compagnia italo-maltese per ottenere la licenza di volo e la certificazione è scaduta da un pezzo (il 2 ottobre) e ancora non si sa nulla

Niente. Niente di niente. Silenzio tombale sui “nuovi” voli FlyVolare dall’aeroporto dell’Umbria, annunciati a tutta randa per settembre. E siamo a metà ottobre. La proroga di 30 giorni sulla scadenza del 3 settembre concessa da Sase, la società che gestisce l’aeroporto, alla compagnia italo-maltese per ottenere la licenza di volo e la certificazione è scaduta da un pezzo (il 2 ottobre) e ancora non si sa nulla. 

E di certificati, voli, aerei e FlyVolare non si hanno notizie di nessuna natura. Il sito della compagnia dice solo “We are coming soon”. Solo questo. E quello del San Francesco non riporta i voli annunciati in pompa magna in due (ripetiamo: due) conferenze stampa.

La certificazione e la licenza da ottenere dalle autorità di Malta non erano questo passettino burocratico facile facile, a quanto pare. La clavata dell’Enac, con un’entrata in stile Montero, subito l’annuncio di nove rotte dall’aeroporto, poteva essere un indizio. Ma tant’è: cioè zero. E allora che fare? Chiudere? Lasciar andare? Prima la Sase punta a riprendersi quel mezzo milione di euro (e punta a farlo in fretta) versato per le nuove rotte.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E poi c’è il discorso politico da affrontare. Perché FlyMarche e FlyVolare non hanno lasciato l’aeroporto così come l’avevano trovato. Rotte annunciate e cancellate dal tramonto all’alba lasciano strascichi. E quel mezzo milione da recuperare, per giunta. Così la questione arriva al Consiglio Regionale: “Finalmente – spiega Marco Squarta, consigliere regionale di Fratelli d’Italia - lunedì 16 ottobre la mia richiesta troverà una risposta e i vertici della società di gestione dell’aeroporto (Sase) e di Sviluppumbria saranno ascoltati dalla Seconda commissione dell’Assemblea legislativa per fare il punto su tutte le criticità che coinvolgono l’aeroporto ‘San Francesco di Assisi’”.

E ancora, perché il punto è qui: “Direttore e presidenti di Sase e Sviluppumbria, in maniera diversa ma convergente coinvolti nello sviluppo dell’aeroporto e nelle sue troppe disavventure – osserva Squarta – dovranno fare chiarezza sui disservizi occorsi ai passeggeri in arrivo e in partenza dal ‘San Francesco’. Saranno chiamati a spiegare le strategie che hanno portato all’accordo con Fly Volare e al pagamento anticipato di ingenti somme ad una compagnia aerea che non è neppure in possesso dei titoli abilitativi per svolgere il servizio. Avranno l’occasione di illustrare ai consiglieri regionali per quale motivo è stata promossa una conferenza stampa per annunciare nuovi collegamenti aerei senza alcuna certezza che questi potessero davvero decollare”. FlyVolare? No no.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento