Atterraggio d'emergenza al San Francesco, esercitazione superata a pieni voti

Valutazione periodica dei sistemi e dei livelli di intervento nello scalo umbro

Allarme all’aeroporto San Francesco d’Assisi, con un aereo costretto ad un atterraggio di emergenza.

Una situazione possibile alla quale tutto il personale dell’aeroporto deve essere pronto. Per questo l’esercitazione effettuata ieri nello scalo umbro è servita a testare le modalità di intervento.

L’esercitazione parziale, si legge in una nota della Sase (società che gestisce lo scalo) “in ottemperanza al Piano di Emergenza Aeroportuale (PEA) promossa dal gestore Aeroportuale SASE SpA, che ha visto partecipare tutti gli stakeholders ed in particolare gli Enti di Stato, 118 e Vigili del fuoco”.

È stato simulato un atterraggio di emergenza con la valutazione di efficienza e di efficacia di tutti gli addetti ai lavori e delle procedure previste per casi come questo.

“Sase SpA ringrazia tutti coloro che hanno partecipato e che hanno permesso attraverso questa operazione di testare la capacità di intervento e la continua azione volta a garantire la sicurezza del personale, addetti ai lavori, passeggeri e mezzi”.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Crampi, come affrontarli e prevenirli

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Caos graduatorie, il ministero dell'Istruzione: "Problemi solo per la Primaria, per la Secondaria ruoli assegnati"

  • Perugia, tragedia lungo la strada: inutili i soccorsi, muore a 48 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento