Anche la dieta aiuta la fertilità: quali cibi scegliere per favorire il concepimento

In Italia una coppia su cinque ha problemi di fertilità e il numero di donne che fanno figli tra 40 e 50 anni è il più alto d'Europa. Ecco come iniziare bene per favorire il concepimento e la gravidanza

E’ un dato confermato dall’EUROSAT che l’Italia è un paese con il più alto numero di donne che fanno figli tra i 40 e 50 anni, assieme al fatto che si sia innescata ormai da decenni un’irreversibile crisi demografica.

Per fare figli, però, l’età migliore è al di sotto dei 35 anni, e sono molte le coppie che soffrono di infertilità o ipofertilità (econdo alcuni dati del Ministero della Salute, in Italia una coppia su 5 che cerca una gravidanza ha difficoltà a concepire un bambino).

Ad ogni modo, tra i tanti metodi e consigli per favorire un concepimento, un aspetto che non andrebbe trascurato è quello dell’alimentazione.

Uno studio della Harvard Medical School di Cambridge ha dimostrato che esiste una correlazione tra l’assunzione di alcuni tipi di cibi e l’infertilità femminile: esistono, infatti, sostanze nutritive in grado di stimolare l’ovulazione, giocando un ruolo fondamentale per la fertilità.

Anche se non si può parlare di un vero e proprio regime alimentare per fertilità, è certo che alcuni cibi la favoriscono, aiutando il concepimento.

Alla base di tutto uno stile di vita sano

Se è vero che una dieta perfetta, adattabile a tutte le donne non esiste, sicuramente esistono alcuni punti fermi da rispettare, come il fatto che la quantità di cibo assunta ideve rispondere al fabbisogno effettivo giornaliero; anche la varietà degli alimenti dovrebbe essere la più variegata possibile.

La prima regola d’oro per diminuire il rischio di problematiche legate alla fertilità consiste nel mantenere il peso forma: sia il sottopeso che il sovrappeso, infatti, possono generare seri disturbi ormonali in grado di influire sul ciclo mestruale e sull’ovulazione. La massa corporea ha un rapporto critico con la corretta funzionalità endocrina e quindi con la fertilità femminile, legata all’equilibrio tra estrogeni e progesterone: l’eccesso o il deficit di massa grassa viscerale possono provocare, infatti, irregolarità del ciclo ovarico o la sua totale mancanza, comportando anomalie o assenza di ovulazione.

Per rimanere in forma, è importante seguire un’alimentazione varia ed equilibrata: diversi studi hanno dimostrato che mangiare sano riduce del 66% il rischio di soffrire di infertilità per problemi di ovulazione. In particolare, secondo diversi esperti, la dieta mediterranea sarebbe piuttosto indicata per aumentare le possibilità di una gravidanza, essendo un regime alimentare ricco di cibi che contengono sostanze nutritive molto importanti.

La dieta per la fertilità

Ma quali sono i cibi che non dovrebbero mancare sulla tua tavola per aiutare il concepimento e favorire la fertilità? Ecco una lista dei più importanti.

  • Preferite alimenti ricchi di Omega 3: gli alimenti che contengono omega 3 mantengono in ottima forma l’apparato riproduttivo: via libera quindi al pesce azzurro (acciughe, sarde, sgombri), alle verdure a foglia larga ma anche a olio EVO e frutta secca come noci e mandorle.
  • Arricchite la vostra dieta cibi ricchi di vitamine: tra le vitamine che agevolano il concepimento, molto importanti sono la vitamina C e la E, che agiscono come potenti antiossidanti. Assumere frutta fresca e secca, verdura, legumi e cereali, meglio se integrali, ma senza esagerare: se si supera la soglia limite di 1000 mg al giorno, infatti, possono agire come antistaminico e asciugare il muco cervicale, potente “fertilizzante” in grado di favorire il concepimento. La vitamina A, presente nelle carote, nel radicchio verde, nei cachi, è invece utile per la fertilità maschile, dal momento che garantisce una corretta spermatogenesi.
  • L’importanza dell’acido folico: la vitamina B9, o acido folico, fa parte del gruppo delle vitamine idrosolubili, quelle che non possono essere accumulate nell’organismo, ma devono essere regolarmente assunte attraverso l’alimentazione. Questa sostanza protegge e agevola lo sviluppo dell’embrione e del sistema nervoso del feto ed è importante iniziare ad assumerla ancor prima di rimanere incinta. L’acido folico è presente in grandi quantità nei cereali, nel lievito di birra, nel fegato e nelle verdure a foglia, in particolare spinaci broccoli, asparagi e lattuga.
  • Assumete proteine vegetali: le proteine hanno un ruolo importantissimo anche nella fertilità, per “costruire” muscoli, tessuti e organi. È meglio ridurre (ma non del tutto) il consumo di carne, prediligendo le proteine di origine vegetale, come quelle contenute in legumi e cereali.
  • Infine introdurre nella dieta i sali minerali: magnesio, zinco e selenio aiutano a mantenere il giusto livello ormonale, favoriscono la qualità degli ovociti, e anche la fertilità maschile.

Dove imparare i metodi naturali di regolazione della fertilità a Perugia:

Consultorio La Dimora Perugia

via don A. Seri, 10 Perugia tel 075.5271074 web: www.consultorioladimora.it/

Centro Familiare Casa della Tenerezza

Via San Galigano, 10 a Perugia tel 075.45757: www.casadellatenerezza.it 

Centro Amore e Vita Foligno

Piazza san Giacomo, 11 Foligno tel: 336635710 web: www.lafeconditaumana.it/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Risse e assembramenti, l'assessore Merli: "Ecco perché abbiamo dovuto chiudere il centro storico". Da stasera super controlli

Torna su
PerugiaToday è in caricamento