Come vivere l'inverno al ritmo giusto (e fare scorta di energia per la bella stagione)

Se durante la stagione fredda potessimo rallentare i ritmi di vita come la natura che va in letargo, potremmo vivere al meglio l'estate. Ma ecco come prendersi cura di sé anche se si corre tutto il giorno

Non solo  giornate corte, freddo ed epidemie influenzali, l’inverno invece è una stagione ricca di fascino e molto importante per il nostro corpo.

Molti dei popoli antichi infatti osservavano i cicli stagionali e i fenomeni naturali  per trarre il meglio da “madre natura”, rispettandola e adeguandosi sapientemente ai suoi ritmi.

L’inverno per gli antichi era un periodo di raccoglimento, di letargo (come ci insegnano gli animali) e di riposo (come ci fanno osservare le piante), un periodo di riflessione, di recupero delle forze e accantonamento delle proprie energie così da esserne “pieni” per sbocciare e vivere pienamente la primavera.

Se invece guardiamo le nostre giornate invernali, nella società attuale, in inverno si corre e si vive in maniera più turbolenta che in altre stagioni: sveglie presto, scuola per i più giovani, ore di studio, attività pomeridiane fino a tardo pomeriggio e nelle ore di buio...

Cosa possiamo fare allora, non potendo seguire i ritmi della natura in inverno, per affrontare questa stagione accantonando benessere?

Il segreto nel cibo

Incominciamo riflettendo sulla semplicità della natura; concentriamoci poi su quanto introduciamo nel nostro corpo mangiando, cibi che sono in grado di darci energia o al contrario ci possono affaticare se non intossicare.

Rispettate un’alimentazione naturale non significa ingabbiarsi necessariamente in una dieta, ma educarsi ad uno stile di vita alimentare pensato sulla propria costituzione; significa capire la “signatura” del cibi che mangiamo, scegliere infatti cibi di stagione non trattati. Se poi procediamo ad una buona masticazione e li associamo al meglio, questo avrà effetti positivi sul piano biochimico, energetico e psico-fisico.

Per l’inverno sarà importante alimentarsi principalmente con cibi riscaldati e cotti, come ad esempio zuppe, verdure cotte e al vapore, cereali integrali. Regola d’ora poi è quella di  ridurre tutto ciò che è troppo raffinato e conservato, sebbene la varietà dei cibi commerciali disponibili.

Osservare e rispettare la scelta di cibo di qualità possibilmente a chilometro zero, riducendo contemporaneamente la quantità è un altro caposaldo per stare bene.

Parola d’ordine: depurare

Inoltre visto che febbraio dal latino februare significa “purificare”, potremmo dedicarci dei momenti detox andando alle terme, facendo bagno turco, sauna o massaggi che permettono di eliminare tossine attraverso pelle e polmoni.

Sarà altresì importante sostenere il sistema immunitario con tinture madri o gemmoderivati, ad esempio echinacea, propoli, ribes nigrum, rosa canina, ecc. a seconda della costituzione.

Sostenere l’apparato respiratorio, proteggere la pelle nutrendola ed idratandola bene, rispettare una corretta eubiosi intestinale cercando di evitare fermentazioni e, se necessario, integrare le carenze di oligoelementi, vitamine e sali minerali che partecipano  ad un sano funzionamento del sistema immunitario.

Tutto questo significa vivere secondo natura, prendendo da essa ciò che ci mette a disposizione nel corso delle varie stagioni, ed è anche l'essenza della naturopatia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento