Quei contrafforti del Mercato Coperto sono all'ecce homo: ferri scoperti e rugginosi, massi cadenti

Il servizio del nostro Inviato Cittadino in via delle Conce. Ecco cosa ha scoperto

Via delle Conce: quei contrafforti del Mercato Coperto marcano visita e cadono letteralmente a pezzi. Siamo poco sopra la confluenza su via XIV Settembre, all’uscita della Galleria Kennedy, dove un tempo, in Campo Battaglia, si combatteva la litomachia, o battaglia dei sassi. Ben altri sono i sassi in predicato di caduta sulla testa degli incauti pedoni che decidano di avventurarsi in questo tratto per recarsi al tribunale, ex Officina Elettrica, o per scendere in via XIV Settembre.

I contrafforti del Mercato Coperto cadono a brandelli. L’opera fu realizzata per “speronare” il muro di sostegno della grande mole che, superiormente, affaccia sul Sopramuro attraverso le adiacenti Logge dei Lanari.

Gli speroni furono realizzati – ci dicono – alla fine degli anni Cinquanta del Novecento, utilizzando ferro e calcestruzzo. Rinforzando un muro vecchio e troppo precario. Ma, oggi, la solidità di quel supporto è ormai andata a farsi benedire, per la ben nota fragilità di queste strutture: robustissime all’inizio, ma soggette a un degrado che, nel giro di qualche decennio, ne evidenzia le criticità. Irreversibili. Insomma: quegli speroni vanno rifatti o robustamente bonificati. E la valutazione del disastro si può fare semplicemente “a occhio”.

Chiunque, infatti, può vedere (e gli scatti in pagina lo documentano) come i ferri siano orami scoperti e divorati dalla ruggine. Il muro all’incerta soprastante perde i pezzi, tanto che si notano a terra dei massi ed è stata realizzata un’opera provvisionale che più provvisoria non si può: tondino di ferro infilato sul marciapiedi con tavole legate a fil di ferro.

E meno male che è stato demolito l’orinatoio proprio sotto il muro, altrimenti qualche utente ci avrebbe lasciato le penne.

La parte superiore del muro è malandata non meno delle velette di cemento armato: soliti ferri rugginosi scoperti, muratura sconnessa.

Come se non bastasse, nel muro è proliferata una vegetazione infestante. Erbe di ogni genere, ma anche non proprio… piantine. A riprova dell’assoluta mancanza di manutenzione, si vede un albero di notevoli dimensioni. Le sue radici, penetrate nella muratura, la allentano, la sgretolano e ne fanno cadere  a terra pezzi consistenti.

Insomma: il degrado è altissimo e sotto gli occhi di tutti. C’è da augurarsi che, nel quadro della sistemazione generale del Mercato Coperto, ci si decida a intervenire con urgenza e in modo acconcio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Al confine tra Umbria-Toscana: terribile schianto in A1, quattro vittime tra cui due bimbi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento