Sanità d'eccellenza, macchinari unici in Umbria per la riabilitazione intensiva

Macchinari di ultima generazione, unici in Umbria, acquistati dalla Usl Umbria 2

Sanità dell'eccellenza. La Usl Umbria 2 ha acquistato dei macchinari all'avanguardia, unici in tutta l'Umbria, per la struttura di Riabilitazione intensiva neuromotoria di Trevi, con un investimento di 150mila euro.
Secondo quanto spiegato dalla Regione Umbria si tratta di uno strumento per la vibrazione muscolare e di un innovativo sistema ad alta tecnologia per la riabilitazione dell'equilibrio e del cammino.

“Continua - ha sottolineato l’assessore regionale Barberini - il percorso di innovazione della sanità umbra, anche con il potenziamento della riabilitazione di Trevi che rappresenta un polo di eccellenza. Le nuove attrezzature faciliteranno il lavoro degli operatori sanitari e la qualità delle prestazioni a favore dei pazienti, accelerando il percorso di recupero delle funzioni neuromotorie”. “Questa iniziativa - ha proseguito - rafforza la vocazione alla riabilitazione di questo territorio, caratterizzato dalla presenza del centro di Trevi e della rinnovata struttura di Cascia, riaperta qualche giorno fa a due anni dal sisma del 2016. Una rete di servizi e di competenze di grande qualità, in sinergia utili a tutto il territorio regionale e non solo, vista la grande capacità attrattiva extra regionale sempre avuta da queste realtà, che si integrano con altre le altre presenti su territorio umbro.

Il direttore Fiaschini ha evidenziato che “nel giro di pochi mesi, d’intesa con la Regione, abbiamo mantenuto l’impegno al potenziamento del centro di riabilitazione di Trevi, con un investimento notevole che rende questa struttura ancor più all’avanguardia, sia sul fronte tecnologico sia per la professionalità e l’umanità degli operatori”.

“I nuovi strumenti – ha sottolineato il dottor Zampolini – consentono di tracciare, in pochi minuti, attraverso una sorta di risonanza, un profilo del cammino e dalla stazione eretta del paziente per diagnosticare subito i problemi e permettere una riabilitazione personalizzata e quindi più efficace. Questo sistema può essere usato non solo per chi è molto malato, ma anche per mantenere la salute delle persone. L’obiettivo è infatti aprire le porte del centro di riabilitazione alla popolazione, magari in ore serali, quando i macchinari non vengono utilizzati per quanti sono ricoverati. Le nuove apparecchiature saranno utilizzate anche per la ricerca, con l’università di Perugia, altre realtà universitarie e centri di riabilitazione nazionale”.

Il dottor Baratta ha rilevato che “il centro di riabilitazione di Trevi segue da tempo un percorso di innovazione tecnologica, che lo rende un’eccellenza nella sanità umbra. Questi nuovi macchinari non si sostituiscono alla figura del fisioterapista, ma ne valorizzano il lavoro consentendo di applicare metodologie più efficaci nei percorsi riabilitativi”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Insulti e lesioni ad una neonata, infermiera condannata a tre anni di carcere

  • Cronaca

    Foligno, tragedia lungo la strada: travolto da un'auto, muore un anziano

  • Cronaca

    Furgone si schianta contro un camion nella piazzola di sosta, morti due umbri

  • Cronaca

    Sfreccia lungo la E45 ma non ha mai preso la patente: beccato, maxi multa e addio auto

I più letti della settimana

  • Umbria, allerta neve: la mappa dei Comuni che chiudono le scuole

  • Leonardo Cenci lotta in ospedale, 'telefonata' del Presidente Sergio Mattarella

  • Emergenza maltempo, 5 giorni di freddo e nevicate in tutta l'Umbria: la mappa delle aree a rischio

  • Umbria, follia sul treno: si masturba davanti a una ragazza, mega multa da 10mila euro

  • Raccordo Perugia-Bettolle, si rompe un pezzo del giunto del viadotto: traffico in tilt

  • Rischio neve in tutta l'Umbria, allerta meteo della Protezione Civile

Torna su
PerugiaToday è in caricamento