Stagione venatoria, in Umbria salta la "prima" e Federcaccia non ci sta: "Diritto sottratto"

Il presidente regionale Selvi: "Incappati in una strana congiuntura che ha penalizzato tutti noi"

L'Ispra non fornisce il parere obbligatorio e saltano le modifiche al calendario venatorio regionale, preapertura al 1 settembre compresa. E insorgono le associazioni di cacciatori.

"Abbiamo appreso, certamente con delusione, che la Regione Umbria non ha ancora ricevuto il parere dell'Ispra circa la preapertura della stagione venatoria 2019-20. Ciò ci addolora anche se non ci stupisce più di tanto: sta di fatto che, almeno per quanto riguarda la prima delle due giornate programmate per la preapertura domenica primo settembre - dice il presidente Selvi - non si potrà esercitare l'attività venatoria. Resta da vedere se l'Ispra invierà o meno il parere alla Regione, se non altro, entro un tempo utile per la seconda giornata prevista per la preapertura, vale a dire domenica 8 settembre. Come associazione venatoria possiamo, purtroppo, fare veramente poco in questo senso, salvo appellarci alla politica e ai suoi rappresentanti affinché si attivino presso l'Istituto di Bologna".

Federcaccia Umbra ringrazia "il consiglio regionale uscente e l'assessore delegato Fernanda Cecchini, poiché grazie al loro lavoro è stato possibile dar vita al Piano Faunistico-Venatorio regionale, che sarà il piano regolatore della caccia in Umbria per i prossimi cinque anni. E' vero, siamo inciampati in una congiuntura strana che ha impedito ai cacciatori di esercitare un loro sacrosanto diritto: purtroppo può succedere. Ed è successo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Federcaccia ricorda anche che "avevamo chiesto queste due giornate di preapertura, come ribadito anche lo scorso 23 luglio, con il vicepresidente regionale vicario Bacaro e i due presidenti provinciali di Perugia e Terni, Spigarelli e Piccioni. Avevamo chiesto le due giornate, lasciando alla Regione il compito di decidere di quali specie consentire l'abbattimento. La nostra non era una richiesta formulata così, tanto per sparare: volevamo due giorni durante i quali i cacciatori avrebbero potuto decidere se andare a caccia o fare altro. Averli privati di questo loro diritto sacrosanto è una sconfitta per tutti, fermo restando il fatto che la legge quadro nazionale 157/92 stabilisce, è bene ricordarlo, che andare a caccia è un diritto, e non un reato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento