Sicurezza, Prisco a Conte: "Questura declassata, ma no al taglio degli agenti, a Perugia servono rinforzi"

Il deputato di Fratelli d'Italia: "Il governo deve garantire che le questure che hanno subìto un 'declassamento funzionale’ non vengano interessate dalla riduzione degli organici operativi"

Il deputato Emanuele Prisco (Fratelli d'Italia) chiede al premier Giuseppe Conte di non ridurre l’organico della Questura di Perugia declassata da un livello alto, dirigenziale, a quello intermedio, con un provvedimento in questi giorni all’esame delle Camere e del Governo.

"Sulla sicurezza non si facciano passi indietro - dice l’esponente di Fratelli d’Italia in una nota -. E’ importante sottolineare che la derubricazione che ha riguardato Perugia nella riorganizzazione delle questure è stata operata sulla base di una ricognizione tecnica del ministero degli Interni calibrata sul numero di episodi di criminalità. Ciò dimostra il grande lavoro portato avanti nell’intera provincia dalle forze dell’ordine in questi ultimi anni, alle quali va rivolto un doveroso ringraziamento, ma anche al sostegno offerto dalle politiche di riqualificazione di molte amministrazioni comunali".

Aumento del numero di agenti prosegue Prisco: "Da sempre la sicurezza è tra le priorità richieste dai cittadini e da Fratelli d’Italia. Anche per questo motivo Fratelli d’Italia chiede l’aumento del numero degli agenti nella questura di Perugia, per un rinforzo adeguato in grado di equilibrare il numero dei pensionamenti che continuano a indebolire l’organico". Secondo Prisco, capogruppo di FdI in Commissione Affari istituzionali alla Camera dei Deputati, "il governo deve garantire che le questure che hanno subìto un 'declassamento funzionale’ non vengano interessate dalla riduzione degli organici operativi ma, anzi, abbiano un incremento del numero di agenti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento