Rifiuti, la Regione mette un milione per Borgogiglione: 'multe' ai Comuni per la differenziata

Ultimatum a Tsa: "Progetto da presentare entro gennaio, poi parziale riapertura"

Discarica di Borgogiglione, che si fa? Si mette sul piatto un milione di euro e si invia un ultimatum alla Tsa per i tempi. “La Regione non ha mai bloccato alcuna discarica, ma ha il compito di far rispettare ai gestori le normative e per quanto riguarda Borgogiglione abbiamo chiesto al gestore di presentare entro tre mesi, termine che scadrà a metà gennaio, un progetto di consolidamento, nell’ottica del principio di precauzione circa il sussistere di problemi di stabilità, e il gestore a sua volta ha confermato l’invio". E si parla di "un progetto che siamo pronti a cofinanziare con 1 milione di euro per dare una svolta a un ‘empasse’ che ha messo in difficoltà il sistema rifiuti e consentire nel 2019 la riapertura parziale della discarica”.

Parole dell'assessore regionale all'Ambienete, Fernanda Cecchini. Il 'sollecito' di Palazzo Donini è per la Tsa, "che ha in capo l’impianto di Borgo Giglione a presentare entro il prossimo mese di gennaio il progetto di consolidamento che siamo pronti a cofinanziare con 1 milione di euro, previsto nel bilancio regionale che verrà approvato a breve”. Anno nuovo, vita nuova. E parziale riapertura. Poi, c'è anche Perugia: "La Regione fa la sua parte perché si tratta di una discarica pubblica e la riattivazione è importante – ha detto – così come gli uffici regionali hanno approvato il progetto di revamping che andrà a risolvere le criticità dell’impianto di Ponte Rio, ma i gestori e gli stessi Comuni del sub Ambito, a cominciare da Perugia, devono porsi per primi il problema di una discarica non attiva, di impiantistica obsoleta, della necessità di far ricorso ad accordi interregionali”.

Intanto, secondo la Regione, la raccolta dei rifiuti non va tanto male: “Nel 2018, stando ai dati a disposizione che ancora non sono definitivi, dovremmo raggiungere circa il 63% di raccolta differenziata e ci avvicineremo – ha detto l'assessore Cecchini - all’obiettivo del 65% fissato dal Piano e dalle precedenti delibere regionali. Anche se non l’abbiamo centrato su tutto il territorio regionale, siamo soddisfatti perché registriamo un andamento di crescita che dal 2015 ci ha portati ad un aumento del 12 per cento, su cui ha inciso in maniera rilevante la riorganizzazione e l’ampliamento della raccolta domiciliare, come è avvenuto a Terni, che ora è al 70%, e a Perugia che nel primo semestre dell’anno superava il 62 per cento di raccolta differenziata”.

 E l'elenco delle buone notizie stilato dalla Regione prosegue: capito inceneritore. “Altro elemento positivo – ha aggiunto l’assessore – è la riduzione della produzione dei rifiuti, che si stima sarà intorno alle 450mila tonnellate, e quella più marcata dei conferimenti in discarica, dimezzata del 50%. È la strada su cui continuare per raggiungere gli obiettivi strategici che pone il Piano regionale e, se è vero che l’Umbria, pur non disponendo di un inceneritore alla cui realizzazione peraltro siamo da sempre contrari, sta dimostrando di essere una regione virtuosa, c’è bisogno di dare una svolta e migliorare ancora”.

Quanto all’accordo interregionale con le Marche per lo smaltimento di rifiuti urbani, l’assessore ha ricordato innanzitutto che “si tratta soltanto di 10mila tonnellate a fronte di una produzione di 450mila tonnellate. Immaginiamo che verrà chiesta una proroga e avremo comunque la prospettiva anche di accordi fuori per la collocazione del Css, il combustibile solido secondario la cui produzione è prevista dal Piano regionale”.

Ultimo punto: la differenziata. Nella delibera approvata dalla Giunta regionale, spiega una nota di Palazzo Donini, "si confermano per ciascun Comune gli obiettivi di raccolta differenziata, con particolare riferimento all’obiettivo del 72,3% di raccolta differenziata entro il 2020. Si stabilisce, tra l’atro, per i Comuni che non hanno provveduto a completare la riorganizzazione dei servizi di raccolta domiciliare e che nel 2018 non hanno raggiunto l’obiettivo di raccolta differenziata del 65%, che sono comunque tenuti a conseguirlo nel 2019, e in ogni caso che i gestori, nelle more della approvazione del Piano d’Ambito Regionale, sono tenuti a presentare entro il 30 giugno 2019 un piano di riorganizzazione dei servizi di raccolta domiciliare dei rifiuti urbani e assimilati al Comune di competenza e all’Auri. L’Auri è tenuta all’approvazione entro il 31 luglio 2019".

E chi non lo fa? "Si stabilisce che a partire dal 2019 i Comuni che non hanno raggiunto gli obiettivi derivanti dalla politica nazionale e regionale in materia di raccolta differenziata (65% e 72,3%) e che hanno destinato al conferimento in discarica un volume di rifiuti eccedente quello loro assegnato, sono tenuti al versamento di un contributo ad Auri per il finanziamento della nuova impiantistica necessaria al raggiungimento degli obiettivi regionali, in particolare funzionali al recupero di particolari tipologie di materiali anche sulla base di specifiche esigenze regionali".

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

  • La favola di Ferragosto: mamma Cristina e il piccolo Lorenzo più forti delle complicazioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento