A Perugia la raccolta differenziata è da record: "Organico puro al 98%"

La raccolta porta a porta segna un altro punto, certificazione dell'Università di Perugia

La raccolta porta a porta segna un altro punto. O, in altre parole, "un incredibile miglioramento della qualità della raccolta dei rifiuti organici" a Perugia. E questo "grazie al nuovo servizio della Raccolta Differenziata previsto per la Città Compatta a Perugia, attivato nel corso del 2018". Gesenu, in una nota, annuncia la novità da record sulla gestione e raccolta dei rifiuti in città: "Dalle ultime analisi merceologiche effettuate dal dipartimento di Ingegneria civile e ambientale dell’Università di Perugia, è emersa una purezza della frazione organica dei rifiuti di circa il 98%". Quasi perfetta. E ancora: "Questo eccellente risultato - spiega Gesenu - è stato possibile grazie alla riorganizzazione del servizio che prevede per l’intera Città Compatta il passaggio dalla raccolta stradale con contenitori accessibili a tutti, alla raccolta porta a porta domiciliare".

E ci sono altri numeri. In generale, spiega ancora Gesenu, "la percentuale di Raccolta Differenziata nelle zone della Città Compatta di Perugia, grazie alle novità introdotte dal nuovo servizio, ha raggiunto ottimi risultati arrivando a circa il 76% di raccolta, a fronte di una percentuale che si attestava al 35% con il vecchio sistema". Numeri che fanno ben sperare.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il vice sindaco ed assessore all’ambiente Urbano Barelli ha espresso soddisfazione per i dati citati da Gesenu “nonché – evidenzia – perché si è raggiunto l’ulteriore obiettivo della sensibile riduzione del rifiuto indifferenziato che, su base annua, passa dalle 70mila tonnellate del 2012 alle 24mila di oggi. A ciò si aggiunge, altresì, un forte decremento della produzione totale di rifiuti che passa dalle 130mila tonnellate del 2012 alle 90 mila di oggi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

Torna su
PerugiaToday è in caricamento