Nomine & Poltrone - Regione: Zurli va in pensione, la sua poltrona pesante va al manager del sisma 2016

Sarà l’architetto Alfiero Moretti, attualmente dirigente della protezione civile regionale e Team Manager per il coordinamento e raccordo della gestione emergenza e ricostruzione, il nuovo direttore generale del Governo del Territorio e Paesaggio, Protezione civile, Infrastrutture e Mobilità della Regione Umbria. Lo ha nominato questa mattina, mercoledì 3 ottobre, la Giunta Regionale, su proposta dell’assessore al personale, Antonio Bartolini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Moretti subentrerà così, a partire dal prossimo 22 ottobre, all’arch. Diego Zurli che è andato in pensione il primo ottobre scorso ed al quale la Giunta regionale ha rivolto un sincero e grande ringraziamento per il lavoro svolto in questi anni di permanenza alla guida di una delle più importanti Direzioni regionali. “La nomina di Moretti – ha affermato l’assessore Bartolini – è stata proposta alla Giunta dopo aver preso in considerazione le candidature pervenute e tenuto conto dei curricula presentati dai diversi candidati, così come prescrive la procedura regionale, secondo un criterio di merito assoluto ed ora la nomina sarà resa operativa attraverso un decreto della Presidente della Giunta regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento