Spaccherei tutto, ma… A Perugia si insegna a dominare la rabbia. Parla lo psichiatra Bruno Chipi

Dice Chipi: “L’universo delle emozioni è affascinante, variegato e… indispensabile.  Insieme al sistema cognitivo, permette di orientarsi, valutare e muoversi nel mondo”

Spaccherei tutto, ma… A Perugia si insegna a conoscere, e a dominare, la rabbia. Psicologia Umbria Festival, laboratorio esperienziale. Ci vediamo al Centro diurno “Fuori Porta” di via Bonfigli, venerdì 11 ottobre alle 18:00. Per parlare di rabbia, senza… arrabbiarsi.

Antonella Buffo e Bruno Chipi, psichiatri e gruppoanalisti, ci guideranno attraverso una presa di coscienza del problema per cui padre Dante schiaffò all’Inferno gli iracondi.

Dice Chipi: “L’universo delle emozioni è affascinante, variegato e… indispensabile.  Insieme al sistema cognitivo, permette di orientarsi, valutare e muoversi nel mondo”.

Ma che si viene a fare in via Bonfigli?

“In questi  laboratori esperienziali, l’obiettivo è quello di conoscere le emozioni  primarie che fanno parte del nostro cervello più antico e sono funzionali  all’adattamento e alla sopravvivenza dell’uomo. La prima emozione che esploreremo è la rabbia”.

Nella vita di tutti i giorni ci confrontiamo con questo sentimento-emozione?

“Le ondate di paura, di diffidenza, di ricerca del capro espiatorio a tutti i costi, hanno messo in moto meccanismi di rabbia e violenza le cui manifestazioni possono essere quotidianamente constatate. Ci   è sembrato utile trovare strumenti di riflessione, indagine e condivisione, partendo proprio dalle emozioni che generano tali vissuti”.

Quanto c’è di naturale e quanto di “culturale” in questa nostra risposta  allo stress?

“Le emozioni, e tra esse la rabbia, sono a metà strada tra natura e cultura: se l’impulso rappresenta il gesto, cioè l’azione reattiva ad uno stimolo, l’emozione è la risonanza emotiva di quello che si compie e di quello che si vede”.

Ma c’è modo di uscirne o di limitarne gli effetti negativi?

“Le emozioni possono essere represse, modulate, riformulate, secondo  le categorie culturali della società in quel dato momento storico”.

È un problema che nasce oggi o è antico?

“L’incipit dell’Iliade sottolinea  un’emozione molto forte, ossia l’ira di Achille. Per gli antichi greci,  la rabbia  è un’emozione, una modalità fondamentale della vita psichica degli eroi. A  partire da questa considerazione, l’obiettivo che ci poniamo è esplorare e indagare le diverse facce della rabbia e la sua evoluzione”.

Cosa sono le “mappe emotive”?

“La costruzione delle mappe emotive prevede la distinzione tra impulsi, emozioni e sentimenti che, insieme, contribuiscono alla formazione dell’Uomo. Il  laboratorio esperienziale, che avrà carattere divulgativo, sarà aperto a tutti”.

Come vi organizzerete?

“Ci sarà una parte teorica di definizione, analisi dei diversi componenti - fisiologici, psicologici e sociologici - della rabbia e la sua collocazione in un continuum che dà luogo a diverse espressioni”.

Per sfogare la rabbia, farete rompere oggetti?

“Per la parte esperienziale, ci varremo di una metodologia attiva: i partecipanti si potranno confrontare in un clima di non giudizio, di ascolto e di scambio reciproco, sulle proprie esperienze correlate alla rabbia”.

Allora non si faranno cocci?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“No di certo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento