Raggi gamma e tecnologie del futuro: i ricercatori dell'Università di Perugia nel mega progetto internazionale

Il gruppo di astrofisica del Dipartimento di Fisica  e Geologia dell’Università di Perugia collabora allo sviluppo del progetto Astri 

Il gruppo di astrofisica del Dipartimento di Fisica  e Geologia dell’Università di Perugia collabora allo sviluppo del progetto Astri (Astrofisica con Specchi a Tecnologia Replicante Italiana), sviluppato dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), con il sostegno del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (Miur), un progetto finalizzato allo sviluppo di tecnologie destinate al progetto Cta (Cherenkov Telescope Array), ovvero l'iniziativa internazionale che sta costruendo un osservatorio astrofisico da terra per i raggi gamma, cui partecipano più di 200 istituzioni appartenenti a 31 nazioni europee ed extraeuropee.

Cuore del progetto il telescopio Astri-Horn, situato sull’Etna presso la stazione di osservazione Inaf “MC Fracastoro”, il quale è stato sviluppato in larga parte su tecnologie sviluppate da Inaf e industrie nazionali. Le osservazioni della Nebulosa del Granchio che grazie ad esso sono state condotte tra il dicembre 2018 e il gennaio 2019 - durante le fasi di test dell'apparato, hanno consentito di dimostrare definitivamente l’efficacia di simili telescopi a due specchi, aprendo così una nuova era per l’astronomia in raggi gamma con tecnica Cherenkov.

Tale risultato scientifico è stato ottenuto anche grazie al contributo del gruppo di astrofisica del Dipartimento di Fisica  e Geologia dell’Università di Perugia che partecipa al progetto Astri e Cta fin dagli inizi. Tra i molteplici aspetti del progetto Astri a in cui i ricercatori perugini hanno contribuito, c’è la piena responsabilità avuta nella progettazione e definizione del software di controllo del telescopi Astri-Horn e la realizzazione del sistema di verifica del puntamento del telescopio, due sistemi chiave per poter ottenere il presente risultato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il successo si è avuto anche grazie al supporto delle strutture direttive, tecniche e amministrative del Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia, ai dottorandi in Fisica, agli studenti dei corsi di studio magistrale in Fisica e Informatica e studenti del corso di studio triennale in Informatica, che nel corso degli anni hanno lavorato al progetto nell’ambito della loro attività di Tesi, e agli assegnisti di ricerca finanziati dal progetto Astri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Si schianta con la moto in superstrada e il mezzo prende fuoco, ferito motociclista

Torna su
PerugiaToday è in caricamento