INVIATO CITTADINO Renato Curi nello stupendo, eterno scenario del sagrato della cattedrale

“I had a dream”, dice Alessia Cigliano nel raccontare la genesi dell’opera “L’angelo Gert”, donata al Comune di Perugia

“I had a dream”, dice Alessia Cigliano nel raccontare la genesi dell’opera “L’angelo Gert”, donata al Comune di Perugia. Perché proprio da un sogno, intriso di memoria e di passione, nasce quest’opera che celebra ed eternizza un personaggio simbolo come Renato Curi, pienamente identificato nella vicenda collettiva della patria d’Euliste.

In una Sala della Vaccara affollata di giornalisti e cineoperatori, è avvenuta la consegna della stupenda opera di Ale Cigliano. Artista e donna di raffinata cultura, autenticamente commossa nello spiegare come da una visione onirica sia nata questa straordinaria raffigurazione che unisce pulsione identitaria e storia della Vetusta. Una vicenda che attiene all’àmbito sportivo, non meno che alla pulsione sentimentale di questa persuasa “civis inquilina” della Vetusta, città dove Alessia vive dal 1992, insieme al marito Marco e ai figli Francesco e Maria Paola.

L’opera, di alto pregio artistico, effigia Renato Curi nell’atto di calciare il pallone nello stupendo, eterno scenario del sagrato della cattedrale, luogo intriso di storia e di valori. Ha preso in carico il dono il presidente del Consiglio Comunale Leonardo Varasano. Sono intervenuti il giornalista Mario Mariano, decano dei giornalisti sportivi, l’architetto Michele Bilancia, defensor civitatis Perusiae, l’Inviato Cittadino Sandro Allegrini (curatore della mostra che apre domani all’Artemisia di via Alessi).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Toccante saluto di “Renatino” Curi junior che ha ricordato il padre non solo calciatore, ma ormai assurto a simbolo della Perugia del calcio. Saluti di Franco Vannini, collega di Curi nella fortunata stagione del Perugia dei miracoli. Commozione e intensa partecipazione di fronte a un’opera che ci ricorda come eravamo, proiettandoci in una dimensione che coniuga sogno e realtà, memoria del passato e prefigurazione di eternità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 18 maggio: nessun nuovo caso, aumentano ancora i guariti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento