Ecco come da un libretto di assegni rubato riusciva a farsi dare dei ricchi rimborsi

Alla sbarra è finito un giovane accusato di furto e truffa. Turto è iniziato un giorno entrando in una agenzia di viaggi

Acquista biglietti per viaggi a lunga percorrenza con un blocchetto di assegni rubati, ma non parte mai e si fa rimborsare i titoli di viaggio.Con l'accusa di ricettazione (degli assegni) e tentata truffa (con i biglietti) è finita sotto processo una ragazza perugina, difesa dall'avvocato Dario Epifani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo l'accusa la giovane era entrata in possesso del libretto di assegni e aveva escogitato un trucco per guadagnare qualcosa. Andava nelle agenzie di viaggio e acquistava biglietti per viaggi a lunga percorrenza per un valore di diverse centinaia di euro. Poi non partiva e chiedeva il rimborso nei termini di legge. gli episodi contestati alla giovane: un biglietto da 730 euro e uno da 900. Il trucco è stato scoperto quando le agenzie di viaggio hanno tentato l'incasso dei titolo, scoprendo che erano bloccati in quanto provento di furto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

Torna su
PerugiaToday è in caricamento