In ricordo di Donato Fezzuoglio, cerimonia per ricordare il carabiniere ucciso in servizio: "Esempio per la nostra società"

Commemorazione all'istituto comprensivo che porta il suo nome, in via Chiusi a Perugia, alla presenza della moglie Emanuela e del figlio Michele

Tutti intorno al monumento che ne ricorda il sacrificio. In via Chiusi, di fronte all'istituto comprensivo che porta il suo nome come la rotatoria che occupa la scultura, i familiari, le autorità militari e civili, gli studenti e i loro insegnanti si sono ritrovati per celebrare l'appuntato Donato Fezzuoglio, ucciso in servizio nel corso di una rapina in banca, il 30 gennaio 2006. Tredici anni dopo il suo sacrificio è ancora di esempio e stimolo per la promozione della legalità tra i più giovani. Alla cerimonia hanno preso parte la vedova di Donato Fezzuoglio Emanuela Becchetti, il figlio Michele, il vice sindaco Gianluca Tuteri, il prefetto Claudio Sgaraglia, il questore Mario Finocchiaro, il comandante della Legione Umbria dei Carabinieri Massimiliano Della Gala.

“Siamo qui per onorare solennemente un servitore dello Stato, della società e dunque nostro. Un uomo, un padre che ha sacrificato la propria vita ed ha rinunciato ai propri affetti per seguire il rispetto delle leggi che regolano la nostra vita, come certamente molti di noi non avrebbero avuto il coraggio di fare” ha detto nel suo discorso il vice sindaco Tuteri. Nel rivolgersi al figlio di Fezzuoglio, Michele, il vice sindaco l’ha invitato a credere in questo: “Donato, tuo padre, è stato e sarà sempre un eroe ed il suo ricordo non avrà mai fine”.

L’atto di Fezzuoglio, ha aggiunto, “serva quindi da esempio alla nostra società che vilmente rassegnata non ragiona più sulla povertà dei valori, ma solo su quella economica. Quello di Donato invece è stato l’esempio della purezza, della freschezza e del coraggio della gioventù, che gli adulti conformisti guardano con colpevole disprezzo”.

“In Fezzuoglio, per me, c’è la sublimazione dell’etica della parola data con il suo giuramento di fedeltà all’Arma, allo Stato. Egli è la prova concreta della potenzialità che sta dentro l’uomo, ossia di poter porre in essere comportamenti generosi e gratuiti senza vantaggio personale. Per questo il ricordo di Fezzuoglio deve aiutare a pensare bene, agendo nel senso della giustizia con risolutezza anche di fronte ai richiami negativi da cui siamo circondati. I giovani, come Donato, spesso agiscono per il bello ed è proprio questa bellezza gratuita che può salvare il mondo”.

Rivolgendosi poi ai tanti ragazzi delle scuole presenti, Tuteri ha parlato di legalità, tema per il quale Fezzuoglio è morto. “Ebbene in tutti noi – ha sottolineato – c’è innato un senso di giustizia. Il resto lo apprendiamo dalla famiglia, dagli insegnanti, dagli altri. Ma occorre chiarire che queste regole non si possono imparare a memoria, bensì solo seguendo un vero percorso fatto di impegno e rispetto delle regole. Un rispetto che non deve essere inteso come ubbidienza all’autorità, ma come modus operandi di tutti i giorni, offrendo la nostra amicizia agli altri”.

Tuteri ha poi ricordato le parole del magistrato Caponnetto che disse “la mafia ovvero l’illegalità ha più paura della scuola che della stessa giustizia”, perché i pensieri dei ragazzi sono più potenti di qualsiasi arma.

Concludendo Tuteri ha rivolto un monito al legislatore, evidenziando che le leggi, oltre a proteggere la società, hanno inevitabilmente un ruolo pedagogico: un indotto culturale di grande forza nello strutturare valori e comportamenti. Per questo devono tenere in considerazione il buon senso ed essere facilmente comprensibili.

Dopo i saluti del generale Massimiliano Della Gala, del prefetto Sgaraglia, è stata donata la bandiera italiana alle scuole presenti nelle mani del dirigente scolastico Fabio Gallina. Poi l'Inno d’Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al termine della cerimonia la delegazione si è spostata all’interno del plesso scolastico dove sono state consegnate le borse di studio, finanziate dalla vedova Fezzuoglio, nell’ambito del progetto didattico sulla cultura della legalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 24 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Ordinanza Umbria-Marche: via libera alla mobilità tra comuni di confine tra le due regioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento