Peppino Evangelisti, patriota perugino, fu massone... ma non si ha il coraggio di dirlo

Onestamente, lasciare quella tomba in condizioni riprovevoli è veramente ignobile. E qualcuno ha il dovere di tutelare la memoria di quella figura degna di rispetto

Vanni Capoccia, ingegno critico della Vetusta, è stato il fulcro da cui – gliene va dato atto – ha mosso la sollecitazione dell’Inviato Cittadino che invitava a non privare del nome originario il Palazzetto dello Sport del Pian di Massiano, intestato al grande perugino Giuseppe Evangelisti.

A lui il merito di avermi fornito utili suggerimenti e indicazioni sulla biografia di Evangelisti e anche sulla realizzazione della copia bronzea del busto in gesso, conservato presso la Società di Mutuo Soccorso.

Capoccia si chiede come mai la Massoneria perugina non abbia rivendicato a sé questa appartenenza che le avrebbe fatto onore.

Scrive: “Ero certo che - pubblicamente, con forza e con orgoglio - la massoneria perugina l'avrebbe rivendicato”.

Ma così non è stato.

E racconta: “Giuseppe Evangelisti, vivendo negli ideali risorgimentali e nel culto di Garibaldi e di Mazzini, è stato effettivamente un massone”.

E dettaglia: “Affiliato inizialmente alla Loggia Guardabassi (professione verniciatore), divenne poi elemento di spicco nella Loggia XX Giugno 1859 della quale è stato anche Maestro Venerabile con Guglielmo Miliocchi “Grande Oratore”. Ed è stato grazie all'amicizia e all’ammirazione coltivata nei confronti di Evangelisti che scelsero di essere iniziati a Perugia i “quattro moschettieri” Peppino, Menotti, Ezio e Sante, nipoti di Giuseppe Garibaldi, davanti ai quali si sarebbero spalancate le porte di ogni loggia massonica del Mondo”.

Dunque, un’ingiustizia?

“Insomma, quella di Peppino Evangelisti è stata una vita spesa coltivando l'amore per il ciclismo, la fede negli ideali repubblicani e nella massoneria perugina nella quale è entrato senza una lira in tasca come verniciatore, e senza una lira, e come verniciatore, è uscito”.

In quale considerazione?

“Evangelisti è stato figura di solido riferimento della Massoneria perugina nella quale, insieme a Francesco Guardabassi (“l babo d’i perugini”, ndr), Memmo Miliocchi e Mario Angeloni, è considerato una delle colonne ideali portanti”.

Perché, dunque, questo silenzio?

“Non si sa e non si capisce”.

C’era forse qualcosa da nascondere?

“Non saprei e non voglio azzardare ipotesi di nessun genere”.

Certo è che l’Inviato Cittadino, su impulso dell’amico Vanni, si è recato al cimitero monumentale di Perugia per verificare lo stato di quel sacello le cui condizioni sono state segnalate come vergognose. L’impressione è stata assolutamente sconfortante. La tomba di Giuseppe Evangelisti (in prossimità di quella di due altre glorie perugine, l’aeropittore Gerardo Dottori e lo stesso Memmo Miliocchi) sta in condizioni pietose. Le scritte sono illeggibili, la pietra è incrostata e scurita dallo smog: un vero sfregio alla civitas perusina e alla sua storia. 

La tomba di Peppino Evangelisti, sporca e con la scritta  illeggibile-2

 Prima di fare tante chiacchiere a vuoto, sarebbe il caso di dare una ripulita. Lo chiedemmo per quella di Dottori, che adesso è almeno dignitosa. Onestamente, lasciare quelle tombe in condizioni riprovevoli è veramente ignobile. E qualcuno ha il dovere di tutelare la memoria di quelle figure degne di rispetto. Non c’è bisogno di dire chi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E chiudo con una citazione da Claudio Spinelli, che non conobbe di persona Evangelisti, (morto quando Claudio aveva appena cinque anni), ma che di Miliocchi fu amico e discepolo: “Ma pòle sta che de ’sta situazzione / me ciò da ’ְncazzà’ io che ’n so’ massone?”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Risse e assembramenti, l'assessore Merli: "Ecco perché abbiamo dovuto chiudere il centro storico". Da stasera super controlli

Torna su
PerugiaToday è in caricamento