Scuole a Norcia, l'opposizione chiede lumi sul prefabbricato per le superiori: "Progetto in ritardo"

Interrogazione del gruppo Noi per Norcia: "Situazione ormai insostenibile"

“Quando saranno ultimati i lavori della scuola prefabbricata che dovrebbe ospitare gli studenti delle scuole superiori di Norcia? Perché tanti ritardi nella realizzazione della struttura?”
Lo hanno chiesto con una interrogazione rivolta al sindaco di Norcia i consiglieri Giampietro Angelini, Cristian Coccia, Antonio Duca e Pietro Iambrenghi perché, "nonostante i proclami e le continue rassicurazioni, ad oltre tre anni dal sisma del 2016 i ragazzi delle scuole superiori di Norcia continuano ad essere stipati nei container collettivi mentre gli studenti di altri comuni dell’Umbria al di fuori del ‘cratere’ sono tornati o stanno per tornare in scuole ricostruite ex novo dopo il terremoto".
Per il consiglieri del gruppo ‘Noi per Norcia’ la situazione "è ormai insostenibile perché l’amministrazione comunale e la dirigenza scolastica avevano assicurato i cittadini e gli studenti che questa nuova struttura prefabbricata, in sostituzione dei moduli provvisori realizzati all’indomani del terremoto, che l’Amministrazione Provinciale di Perugia dovrebbe realizzare, sarebbe stata pronta entro il 7 gennaio 2020 e sarebbe stata utilizzata fino alla realizzazione della ‘più importante progetto urbanistico del cratere’ ossia il famigerato e faraonico Polo Scolastico di cui, a parte i proclami sulla stampa, ben poco si conosce".
“Ormai – sostengono ancora i consiglieri di ‘Noi per Norcia’ – è evidente che le date fornite dall’amministrazione Alemanno sono buone solo per il terno al lotto e per incantare i cittadini ormai stremati da tre anni di nulla. Le date per la realizzazione delle scuole (materna e superiori) sono state tutte disattese”.
Per fortuna che dopo l’emergenza sisma si era ripartiti dalle scuole perché francamente, vedere un cantiere fermo, con monconi di ferro che spuntano dal suolo, è l’immagine inquietante di una ricostruzione che non c’è e soprattutto del fallimento delle politiche e strategie adottate da questa amministrazione che, anziché occuparsi delle vere priorità della città, naviga a vista e si arrocca sempre più in se stessa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

  • Coronavirus, su Facebook e WhatsApp è tornata la bufala di Elisa Montagnoli

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento