Gli italiani non dimenticano Norcia e Castelluccio: in tanti in bici da tutto il Paese per conquistare la grande piana

Oltre cento ciclisti provenienti da Umbria, Abruzzo, Toscana ed Emilia Romagna per cicloturistica d’epoca ‘Un abbraccio ai Sibillini’

Il ritorno alla normaltà, il ritorno all'accoglienza turistica nella Valnerina martoriata dal sisma passa anche per degli eventi sportivi che richiamano tanti atleti e famiglie da tutto lo "Stivale". Un esempio è la terza edizione della cicloturistica d’epoca ‘Un abbraccio ai Sibillini’ partita questa mattina da Piazza San Benedetto. A dare il benvenuto e lo ‘start’ agli oltre cento ciclisti provenienti da Umbria, Abruzzo, Toscana ed Emilia Romagna sono stati il Sindaco di Norcia, Nicola Alemanno e l’assessore con delega al Turismo, Giuseppina Perla. 

L’evento, Norcia-Castelluccio e ritorno, è da considerarsi piuttosto ‘muscolare’ in quanto il percorso è abbastanza breve, 76 chilometri, ma comunque impegnativo perché l’andata è caratterizzata da una salita ininterrotta di 20 chilometri fino a quota 1500 metri.
A Castelluccio i ciclisti si fermeranno per un meritato ristoro. Encomiabile l’entusiasmo e la solidale partecipazione dei ciclisti di fuori regione, che verranno in trasferta affrontando questa impresa sportiva con biciclette tecnologicamente vetuste, allo scopo di manifestare la loro vicinanza alle popolazioni del terremoto, oltre che aver contribuito direttamente all’impianto organizzativo.

L’evento è a cura di: Alice bike Cesena vintage (Cesena), Ciclocolli storica (Tolentino), Gs Vetiche (Cassino), Francesco nei sentieri (Perugia), La Carrareccia (Bolsena), La Celestiniana (L’Aquila), La Chianina (Marciano della Chiana), La Cortonese (Tavarnelle di Cortona), La Leonessa (Pelago), La Marzocchina (San Giovanni Val d’Arno), L’Ardita (Arezzo), L’intrepida (Anghiari) e Velo club Pianello (Pianello di Perugia).

“Una giornata all’insegna dello sport e della solidarietà che giunge da ogni parte d’Italia – ha detto il Sindaco -. La vicinanza di tutta questa gente è un grande segnale per la nostra Comunità. La nostra popolazione – continua Alemanno - a quasi tre anni di distanza dal primo evento sismico, sta vivendo un periodo tra i più complessi e difficili in cui è chiamata a vincere la scommessa fatta di continuare a vivere su questo territorio. La vostra presenza qui a Norcia oggi è il messaggio che non siamo soli e la dimostrazione di aver fatto la scelta giusta. E’ dunque anche grazie a voi e a iniziative come queste – conclude - che possiamo farcela a ripartire e riconquistare la nostra normalità”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento