Città di Castello, cinque famiglie bloccate dalla neve al valico di Bocca Serriola

Intervento delle squadre comunali che hanno liberato la strada dalla neve

Bloccati dalla neve. Cinque nuclei familiari sono stati soccorsi dalle squadre operative del Comune di Città di Castello, che tra ieri e stamattina sono intervenute con uno spazzaneve nell’area del valico di Bocca Serriola per liberare le strade di collegamento alle abitazioni, ricoperte da una coltre bianca di oltre 20 centimetri.

Per prime, spiega il Comune, sono state raggiunte le famiglie residenti in località La Croce, poi, nella mattinata di oggi, sono state raggiunte le case nei pressi del lago di Scalocchio e in località La Villa. In tutti i casi non si sono registrate situazioni di emergenza, ma era comunque ostacolato il passaggio sugli itinerari stradali, che vengono utilizzati anche da cittadini residenti nel capoluogo tifernate per governare animali. Sempre ieri il Comune ha attivato una ditta privata in convenzione per la rimozione della neve accumulatasi a Muccignano di Morra. Il mezzo spazzaneve ha provveduto a liberare l’area dell’abitato e la strada di collegamento.

Potrebbe interessarti

  • Occhio ai falsi amici della dieta: i cibi insospettabili che non fanno dimagrire

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Grande Fratello 2019, la vincitrice Martina Nasoni: "Dovrò operarmi di nuovo al cuore"

I più letti della settimana

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Maltempo in provincia di Perugia, alberi in fiamme, tante cadute, incendi boschivi: i comuni più colpiti

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Tragico incidente a Castiglione del Lago, schianto tra una moto e un camion: Luca muore a 37 anni

  • Nomine & Poltrone - Concorso per presidi, ecco i nomi dei 37 nuovi dirigenti scolastici in Umbria

  • Terremoti, il sismologo Padre Martino in Cina: "Fratture di faglie conseguenti a trivellazioni e nucleare"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento