LETTERA Caso Narducci, Pm Mignini: "Morte accidentale? No, quella sentenza è stata tolta di mezzo dalla Cassazione"

Il Pm, ora in pensione, ha voluto precisare i procedimenti per accertare la verità sul caso. "Accertate le cause della morte e il doppio cadavere. Questi non sono giudizi, sono fatti" 

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata dal Pm Giuliano Mignini, da poche settimane in pensione, che dopo aver letto l'articolo sulla morte di Piero Bricca, uno dei testimoni chiavi del ritrovamento del cadavere che fu attribuito al dotto Narducci, oggetto di inchieste sul cosiddetto Mostro di Firenze e sulle circostanze della sua misteriosa morte. Buona lettura. 

*********

Gentile Direttore di Perugia Today. Sono Giuliano Mignini, da poco a riposo dopo essere andato in pensione come magistrato. Durante la mia carriera, mi sono occupato, tra l'altro, della vicenda del gastroenterologo Francesco Narducci e, con una certa sorpresa, ho letto oggi un articolo relativo alla recente morte dell'ex maresciallo della Polizia Provinciale che conobbi durante le indagini e che si dimostrò sempre leale e collaborativo verso gli inquirenti. Lo ricordo con simpatia.

Nell'articolo si dice però una cosa profondamente inesatta che, purtroppo, non è una novità in questa vicenda. Si dice cioè che, per il Tribunale, il Narducci sarebbe morto per disgrazia, mentre per me e per il dr. Giuttari sarebbe morto per omicidio (con tutto il contorno di doppio cadavere e connessioni fiorentine). Per il Tribunale perché ? Perché per l'allora gup Paolo Micheli, autore di una macroscopica sentenza, il Narducci sarebbe morto per disgrazia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Eppure, dovrebbre essere ormai chiaro a tutti che quella sentenza è stata tolta di mezzo dalla Quarta Sezione della Corte di Cassazione, il 22 marzo 2013, dietro mio ricorso. E pensare che l'unica statuizione del Tribunale rimasta in piedi sia l'ordinanza del gip De Robertis nel procedimento 1848/08/21 che ha stabilito la causa di morte del medico nell'omicidio, il "doppio cadavere" e le connessioni fiorentine. E questo senza parlare dell'ordinanza del Tribunale d'Appello cautelare di identico tenore. Questi non sono giudizi, sono fatti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento