INVIATO CITTADINO Santa Chiara, il monastero di Monteluce 800 anni dopo e... una perla di saggezza popolare

Santa Chiara 800 anni dopo… giunge a conclusione l’anno delle celebrazioni dell’Ottavo centenario della fondazione del monastero delle Clarisse di Santa Maria Monteluce in Sant’Erminio, risalente all’anno 1218

Santa Chiara 800 anni dopo… giunge a conclusione l’anno delle celebrazioni dell’Ottavo centenario della fondazione del monastero delle Clarisse di Santa Maria Monteluce in Sant’Erminio, risalente all’anno 1218.

Dopo il triduo di preparazione con i Vespri solenni, l’11 agosto, si è ricordato il transito, avvenuto nel 1253.

Il clou della memoria è avvenuto appunto l’altro ieri, festa liturgica di santa Chiara. Com’è noto, il Santo Padre Pio XII la dichiarò (il 17 febbraio 1958) santa patrona della televisione e delle telecomunicazioni.

Con l’occasione proponiamo una perla di lingua perugina, assai diffusa per evidenziare la disonestà degli osti.

Un tempo (lo faranno forse anche oggi?), si ripeteva un detto ironico, riferito al vino annacquato, ossia “allungato”. La frase suona “C’è passata Santa Chiara”. Ovvio che non c’è alcun riferimento alla Santa, ma un semplice gioco di parole per significare che il vino rosso, diluito, è divenuto più chiaro.

A proposito, ricordiamo un aneddoto riferito all’inflessibilità della Guardia Biagini, ricordata anche dal poeta perugino Claudio Spinelli. Costui fu capace di sanzionare la moglie per stillicidio di acqua dai panni stesi ad asciugare. Si dice anche che abbia sanzionato un oste, reo di avergli offerto un bicchiere di vino, a suo avviso, annacquato. Appunto: c’era “passata” Santa Chiara.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il disegno in pagina mostra un vino con indicazione UOR (Indicazione Origine Rubinetto), dovuto alla creatività dell’indimenticabile amico Marco Vergoni che me lo donò per il mio breviario laico: “… e lascia sta i Santi!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 26 maggio: un nuovo positivo su 1097 tamponi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento