INVIATO CITTADINO Niente illuminazione notturna in via XX Settembre

Non c’è verso di riavere l’illuminazione pubblica in via XX Settembre, via Pellas e adiacenti. Eppure di giorno, quando non serve, l’illuminazione va

Fiat lux…a voglia telefonate, richieste, sollecitazioni. Non c’è verso di riavere l’illuminazione pubblica in via XX Settembre, via Pellas e adiacenti. Eppure di giorno, quando non serve, l’illuminazione va a tutta randa.

I membri dell'associazione di quartiere il “Profumo dei Tigli”, da più di una settimana, stanno telefonando e scrivendo al sito delle segnalazioni del Comune di Perugia in merito all'assenza di illuminazione notturna. Oltre a via XX Settembre, via Pellas, si tratta della zona “particolare”, vicina al Parco della Pescaia (Verbanella).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Osserva la presidente Barbara Venanti: “Parliamo di una zona che in questi anni ha visto, anche per la presenza del Parco, un aumento esponenziale della micro criminalità, in particolare lo spaccio e gli scippi”. “Proprio per questo – aggiunge Barbara – gli abitanti sono allarmati dall'assenza di luce notturna che di fatto rende insicuro muoversi a piedi anche nel tardo pomeriggio. Specie per gli anziani che sono ad oggi il numero maggiore di residenti”. Conclusione: “Chiediamo pertanto il motivo di tale defaticante attesa nel ripristinare un servizio essenziale per la vita sociale del quartiere”. Inaudito. Accade come a certi bambini che scambiano la notte per il giorno. Di giorno la luce che, immancabilmente, si spegne al calar delle tenebre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento