Il Personaggio - Alla kermesse umbra dedicata ai cani la regina dei Chihuahuas, Luana Gargia

L'intervista per conoscere il mondo dell'allevamento, le gare e lo spirito giusto per gestire e acquistare dei cani

Si chiama Luana Gargia ed è considerata la regina dei Chihuahuas. Vive a Cuneo ed è titolare dell’allevamento "After the sunset". Alleva minuscoli cagnolini (a pelo corto e a pelo lungo) per la gioia delle persone che amano queste bestiole o che intendono orientarsi verso la Pet therapy. L’abbiamo incontrata al Blue Bay dell’Hotel La Trinità dove è stata ospite durante la kermesse di Bastia per cinofili. E dove è venuta anche per entrare in contatto con la nostra regione che desiderava conoscere. Suo marito la segue e collabora al buon andamento dell’attività.

Dice di sé: “Amo le mie bestiole e le tratto come mie creature”. Spiega: “Alleno personalmente i miei cani che poi propongo in diverse esposizioni, sia in Italia che in tutto il mondo, conseguendo diversi titoli di campione. Mi dedico anche alla riproduzione, scegliendo i giusti soggetti che poi riproduco, cercando di selezionare al meglio, oltre che lo standard della razza, anche le linee di sangue e il loro carattere”.

A Bastia ha venduto? “Non partecipo ad esposizioni o gare con lo scopo di vendere”

Allora, cos’è venuta a fare? “Mi piace confrontarmi con altri allevatori, conoscere persone e modalità operative poste in essere
da colleghi”.

Perché non ha voluto vendere? “In genere sono favorevole al passaggio dolce. Voglio che i miei cani finiscano nelle mani giuste e… dopo un adeguato periodo di ambientamento. Non me ne separerei mai bruscamente, perché so che ne soffrirebbero”.

Mentre dice questo, i suoi cagnolini la sbaciucchiano e le fanno le feste. Luana li tiene fra le braccia con tenerezza. Aggiunge, carezzandoli: “È un mestiere che si deve fare nel rispetto dell’affettività e del carattere delle bestiole”. Ci fa scoprire, insomma, che non è solo business, ma esiste un’etica dell’allevatore. Almeno di quello che è capace di andare oltre l’affare economico. È di ritorno da un campionato in cui le sue bestiole hanno raccolto consensi e premi.

Racconta: “Una mia cucciola di Chihuahua a pelo corto di soli 4 mesi, nata dal mio allevamento, all’Europeo 2018 di Varsavia ha conseguito il titolo di Hope of Europe 2018 (“Speranza d’Europa 2018), un premio prestigioso e ambitissimo da tutti gli allevatori”.

Come ha trovato Perugia? “Ho potuto ammirarla solo sommariamente, ma mi propongo di tornarci con calma, magari in occasione di una delle grandi manifestazioni alle quali vorrei partecipare. Il mio punto di riferimento è l’amico e collega Giampiero Amandoli, cui sono legata da reciproca stima”. Perugia l’aspetta. Anche perché Luana, oltre che scrupolosa allevatrice di Chihuahuas, è anche una gran bella ragazza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Mariano Di Vaio, l'influencer-imprenditore che fattura milioni: nuova sede a Perugia

  • Incidente sulla E45, tir si ribalta e blocca la strada: un ferito, traffico bloccato

  • Umbria, dal fiume Nera riemerge un cadavere: indagini in corso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento