Fondi di sviluppo, la Commissione europea promuove l'Umbria: via libera a oltre 27 milioni

Superata la verifica intermedia del Piano operativo Fers che sbloccano la riserva di efficacia

La Commissione europea "promuove" la Regione Umbria e conferma lo stanziamento previsto per il Por Fesr 2014.2020

Esito positivo, sottolinea Palazzo Donini, per la verifica intermedia dell'efficacia dell'attuazione del Por e di conseguenza, la Commissione ha assegnato definitivamente, con la Decisione del 20 agosto, la riserva di efficacia alle priorità del Programma avendo tutti gli Assi conseguito i target intermedi.

“La Decisione della Commissione Europea – ha affermato Paparelli – testimonia l’ottimo lavoro svolto dagli Uffici della Giunta regionale, in piena collaborazione con l’intero sistema socio-economico della nostra Regione che ha permesso il raggiungimento degli obiettivi previsti e dunque la corretta gestione dei finanziamenti europei del Fondo europeo per lo sviluppo regionale. Una delle novità della programmazione 2014-2020 infatti – ha sottolineato il presidente - è la verifica dell'efficienza dell'attuazione dei programmi finanziati dai fondi europei rispetto al raggiungimento di definiti target intermedi.

Ogni Stato dispone di una riserva di efficacia dell'attuazione pari al 6 per cento delle risorse stanziate per ciascuna priorità per l'anno 2018 oltre che di target finali fissati per il 2023.  E si tratta di risultati direttamente connessi al conseguimento dell'obiettivo specifico di una priorità che indicano i progressi verso il conseguimento dei target previsti per la fine del periodo di programmazione. Quindi il raggiungimento di questi obiettivi è molto importante per l’attuazione dell’intero programma e per la disponibilità dell’intero finanziamento assegnato all’Umbria. La sfida, peraltro molto impegnativa, soprattutto per l’Asse Terremoto, le cui risorse sono state attribuite all’Umbria alla fine del 2017 – ha concluso Paparelli -, è stata vinta dalla Regione Umbria che porta a casa la riserva di efficacia per il Programma Fesr per un ammontare di risorse pari a 24.737.592euro“.

Il Programma operativo Fesr 2014-2020 dell’Umbria è stato approvato dalla Commissione il 12 febbraio 2015 e dispone di una dotazione finanziaria complessiva di 412.293.204 euro, articolata in 7 Assi prioritari, definiti in linea con le priorità di investimento previste dal Regolamento UE n. 1303/2013, al quale si aggiunge un ulteriore Asse dedicato alle azioni di Assistenza Tecnica.

“Il 2019 – ha aggiunto il direttore regionale per la programmazione comunitaria, Lucio Caporizzi -  rappresenta, nel corso della programmazione 2014-2020, un primo momento importante relativo all'attuazione dei Programmi, in quanto la Commissione verifica l'efficacia dell'attuazione dei programmi alla luce del «quadro di riferimento dell'efficacia dell'attuazione» sulla base di informazioni e valutazioni fornite nell'ambito delle relazioni sullo stato di attuazione presentato degli Stati membri”.

...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Università di Perugia, premiati i migliori laureati del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche: tutti i nomi

  • La fortuna bacia Perugia, super vincita con una schedina da tre euro

Torna su
PerugiaToday è in caricamento