Elezioni, Luisa Zappitelli vota a 108 anni: "Sempre al seggio dal 1946, fate sentire la vostra voce"

Alla soglia dei 108 anni, torna nella cabina elettorale la nonna d’Italia, Luisa Zappitelli, classe 1911, che, stamattina, domenica 26 maggio 2019, votando per le elezioni europee, ha battuto il suo record personale, partecipando ininterrottamente a tutte le consultazioni dell’Italia democratica, dal plebiscito del 1946 ad oggi, per 72 anni di fila

Alla soglia dei 108 anni, torna nella cabina elettorale la nonna d’Italia, Luisa Zappitelli, classe 1911, che, stamattina, domenica 26 maggio 2019, votando per le elezioni europee, ha battuto il suo record personale, partecipando ininterrottamente a tutte le consultazioni dell’Italia democratica, dal plebiscito del 1946 ad oggi, per 72 anni di fila. 

Luisa, mentre lasciava cadere la schede nell’urna, ha invitato i giovani “a non snobbare le elezioni, perché è questo il modo che hanno i cittadini di far sentire la loro voce nelle democrazie”. 

DIRETTA VOTO Comunali ed Europee: seggi aperti dalle 7 alle 23, ben 67 comuni dove rinnovare sindaci e consiglio
 

Non appena è apparsa sulla soglia del seggio, è stata accolta con grande calore da presidente, segretario e scrutatori, che ormai conoscono bene la loro illustre elettrice. “Anche se gli anni incalzano, Luisa non molla”, dicono i figli Anna e Dario, che l’hanno accompagnata al seggio “ha compiuto anche questa volta il suo dovere di brava italiana”. 

ELEZIONI Ecco come si vota per le Comunali e per l'Europee: dal voto alla lista al voto disgiunto, la guida per non sbagliare
 

Intorno alle 11 si è presentata con la tessera elettorale e un documento al seggio di San pio, il quartiere di Città di Castello dove abita. Non è stato necessario esibire la carta di identità, perché Luisa è famosa ben oltre i confini della città dove è vissuta. In realtà, Luisa Zappitelli, nonostante la veneranda età, coltiva anche altre passioni, oltre a quella civile.
É un’appassionata vespista e allevatrice di canarini, ma dopo l’encomio del presidente Mattarella nel discorso dell’Otto Marzo del 2018, la sua figura è associata ad un esempio di educazione civica e coscienza democratica.
In quel lontanissimo 2 giugno 1946 che introdusse il suffragio universale in Italia e consentì anche alle donne di essere pienamente cittadine, Luisa insieme ai suoi fratelli nel seggio di San Pio, il quartiere di Città di Castello, pur di votare e scegliere tra Repubblica e Monarchia. Come andò a finire il plebuiscito è noto ed è anche merito di Luisa, una figlia del Novecento ma anche di internet: il suo commovente racconto del primo voto ha fatto il giro del web con migliaia di visualizzazioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, decine di interventi dopo il temporale della notte: le zone più colpite

  • Schianto lungo l'Apecchiese tra auto e moto, è morto il centauro portato in elicottero all'ospedale

  • Anziana morta, il figlio l'ha vegliata per 16 giorni

  • Accoltellato per difendere la commessa dal rapinatore, è grave dopo l'aggressione al supermercato

  • Minorenne, incensurato e italianissimo: nello zaino tre chili di marijuana, arresto in centro a Perugia

  • Frontale tra auto a Marsciano, due persone ferite

Torna su
PerugiaToday è in caricamento