INVIATO CITTADINO Elce, l'associazionismo cittadino pensa all'area cani

L’associazionismo di base è una solida realtà e sopperisce alle carenze del Comune che non le arriva tutte. Così è successo che l’Associazione Nova Elce sia intervenuta a sistemare e ripulire l’area per cani a valle della scuola Leonardo da Vinci

L’associazionismo di base è una solida realtà e sopperisce alle carenze del Comune che non le arriva tutte. Così è successo che l’Associazione Nova Elce sia intervenuta a sistemare e ripulire l’area per cani a valle della scuola Leonardo da Vinci.

I tanti cinofili dell’Elce (studenti, pensionati) ne hanno fatto un punto d’incontro e d’interlocuzione: vi portano gli amici a quattro zampe, discutono del più e del meno, si siedono sulle panchine (quella rimasta… perché una se l’è fregata qualche malandrino). Mentre le bestiole sgambano e fanno le “loro cose”… correttamente raccolte.

Qualche settimana fa, una pianta fasciata da un rampicante divoratore ha dato forfait, cadendo a causa del vento impetuoso. È rimasta per terra, costituendo una fonte di potenziale pericolo per i cani che entravano sotto i rami col rischio di ferirsi.

La circostanza è stata segnalata a chi di dovere. Finché l’Associazione ha preso il toro per le corna ed è intervenuta, con tanto di motosega, a tagliare in pezzi gestibili, rimuovendo quel cadavere e conferendolo in un contenitore idoneo, piazzato poco sopra. Addirittura, con un paio di monconi, questi volonterosi “artisti” hanno realizzato due rustici sedili.

Con l’occasione, è stata ripulita tutta la superficie dalle erbacce che stanno crescendo rigogliose, infestandola. Uno ha fornito il decespugliatore, qualcun altro l’ha usato. Fino al notevole risultato che si vede in pagina.

Un grazie a Nova Elce e al dinamico geometra Carlo Giannotti, primo motore delle manutenzioni in tutta la zona. Anche a monte, dove il parchetto con giochi, campetto, panchine e barbecue fa bella mostra di sé e documenta l’attivismo dei residenti di via Torelli.

Da parte di qualcuno si lamenta il furto di una delle due panchinette di plastica, sottolineando l’esigenza di un punto luce. Così come si fa notare che per qualche giorno è mancata l’acqua. Ma il punctum dolens è proprio la mancanza di idonea illuminazione. Proprio ieri, l’Inviato Cittadino è stato contattato da un paio di studentesse che lamentano di essere state importunate da gruppetti di extracomunitari al calare delle tenebre. Per cui, evitano di venire da sole al dog space di via Torelli. Dicono: “L’istallazione di tre o quattro punti luce non manderebbe a spianto le casse comunali!”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento