INVIATO CITTADINO Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci, donazione storica

Sono più di cinquecento le lettere indirizzate a Luigi Carattoli, artista e già direttore dell'Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia (1883-1891), oggetto del conferimento

Una donazione storica che arricchisce la già cospicua dotazione documentaria dell’Aba. Sono più di cinquecento le lettere indirizzate a Luigi Carattoli, artista e già direttore dell'Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia (1883-1891), oggetto del conferimento.

Sono state donate dallo Studio Moretti Caselli (rappresentato dal direttore del museo storico, Giorgio Panduri), il museo-laboratorio di vetrate artistiche della Vetusta. Rintracciate all’interno di un faldone, raccontano la fitta corrispondenza datata tra il 1850-1889 circa, che va ad aggiungersi ai precedenti documenti, donati sempre da Moretti Caselli nel 1992 e poi nel 2001.

Il conservatore dei Beni Giovanni Manuali ha parlato di un arricchimento che aprirà nuove piste di studio e interessanti prospettive di ricerca. Osservazione condivisa dal neo direttore, Emidio De Albentiis. Che aggiunte: “Luigi Carattoli si impegnò moltissimo nell'inventariazione sistematica dei beni acquisiti dal Demanio dopo la soppressione delle istituzioni religiose conseguente all'Unità d'Italia, diventando un funzionario di alto grado in Umbria e nelle Marche, nell'ambito della conservazione dei monumenti e della direzione museale”.

Per parte sua, anche la famiglia Carattoli ha espresso soddisfazione per avere contribuito, con questo coinvolgimento, a far luce sulla storia dell’importante istituzione formativa. Tra il pubblico, presenti anche Anna Matilde Falsettini (pronipote di Lodovico Caselli) e Maria Grazia Carattoli, tra i discendenti di Pietro Carattoli. Mario Squadroni, ex soprintendente archivistico, ha ripercorso il progetto di riordinamento e inventariazione dell'intero archivio dell'Accademia, un lavoro poi dato alle stampe.

Breve intervento anche da parte di Fedora Boco, già bibliotecaria e memoria storica dell’Accademia, oltre che indefessa studiosa, dotata di sofisticati strumenti di ricerca e non comuni conoscenze.

Tra le osservazioni di rilievo, Manuali ha ricordato che fu merito di Carattoli intercettare e musealizzare due pezzi della fontana di Arnolfo, della distrutta fontana del Sopramuro, nel giardino retrostante l’Hotel La Rosetta, fra via del Sette e via Bonazzi. Francesco Santi ne avrebbe ritrovata una terza. Ora quelle sculture – finite, non si sa come, in mani di privati – sono oggi esposte nella Galleria Nazionale dell’Umbria.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

  • La favola di Ferragosto: mamma Cristina e il piccolo Lorenzo più forti delle complicazioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento