Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

In Italia la partecipazione alla campagna di ministero della Salute e Istat è del 40%. In Umbria arriva al 46%

La prima settimana di test dell’indagine di sieroprevalenza relativa alla diffusione del Coronavirus si è chiusa con 342 prelievi. I dati emersi dalla prima settimana di chiamate e test svelano un’adesione del 46% che supera, seppur di poco, l’andamento nazionale attestatosi intorno al 40%.

test 6-2Il test, promosso dal Ministero della Salute e Istat, con la collaborazione della Croce Rossa Italiana, riguarda 5.275 soggetti totali distribuiti in 39 comuni dell'Umbria. La prima settimana dei test ha interessato un campione ristretto di 816 persone in grado di fornire una prima fotografia della situazione epidemiologica e una risposta veloce sull’adesione all’iniziativa. A partire dal 25 maggio sono state effettuate 757 chiamate con risposta (93%) , di cui 346 (45%) hanno portato alla conferma di un appuntamento con un totale di prelievi effettivi pari a 342 (il 99% dei soggetti ha rispettato l’appuntamento preso); 254 (34%) sono gli esiti provvisori in attesa di conferma o chiamata, 59 (7%) i soggetti risultati irreperibili e 157 (21%) le persone che hanno rifiutato di partecipare.

Gli ambulatori mobili della Croce Rossa Italiana – Comitato Regionale Umbria hanno operato nei comuni di Citerna, San Giustino, Citta di Castello, Umbertide, Gubbio, Gualdo Tadino, Sigillo, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Panicale, Corciano, Magione, Perugia, Ponte San Giovanni, Terni, Montecastrilli, Avigliano Umbro, Amelia, Stroncone, Narni, Penna in Teverina, Assisi, Bastia Umbra, Deruta, Marsciano, Todi, Massa Martana, Bastardo, Baschi, Orvieto, Allerona, Cascia, Spoleto, Sellano, Nocera Umbra, Spello, Trevi, Bevagna e Foligno.

test 5-2"Come organizzazione di volontariato, siamo molto soddisfatti di poter operare con la massima collaborazione della dottoressa Maria Donata Giaimo, della task force della Regione e responsabile della prevenzione, di Andrea Ceccagnoli infermiere professionale del Santa Maria della Misericordia e della dottoressa Carla Ferri, titolare del laboratorio dell’Opsedale Santa Maria della Misericordia di Perugia" ha dichiarato Paolo Scura, presidente del Comitato Regionale Umbria della Croce Rossa Italiana.

Mercoledì 3 giugno riprende la seconda fase con prelievi a Citerna, San Giustino, Citta di Castello, Umbertide per poi proseguire nelle altre località umbre. "In vista dei nuovi prelievi, che partiranno dal 3 giugno, ci auguriamo di avere una risposta più numerosa e positiva da parte dei soggetti selezionati, data l’importanza dell’indagine su più fronti, sia per il singolo cittadino, che per l’intero Paese. Gli operatori della Croce Rossa Italiana sono già a lavoro per fissare altri appuntamenti telefonici con gli utenti individuati dall’Istat e ricordo che le chiamate possono arrivare solo dal numero che inizia per 06 5510" ha aggiunto il presidente Scura.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CRI - indagine sierologica -anticipatorio-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

Torna su
PerugiaToday è in caricamento