Lo sport anche in isolamento da Coronavirus, i consigli dell'esperta: "Fa bene al corpo e allo spirito"

Benedetta Arcelli, avvocato e insegnante Coni, fa videolezioni due volte a settimana su Facebook con esercizi adatti a tutti

La ginnastica nel tempo dell’isolamento dovuto all’epidemia di Covid19 può solo aiutare sia il fisico sia la mente. Meglio affidarsi, però, ai consigli di un esperto per evitare problemi muscolari o di schiena.

Bendetta Arcelli 2-2Benedetta Arcelli, sportiva dall’età di cinque anni, avvocato e diplomata Coni in ginnastica artistica, ci racconta come fare e lo mostra il lunedì e il giovedì su Facebook nella pagina del circolo virtuale eburneo (lezioni alle 18).

“Fin da bambina ho fatto sport, prima iscritta a nuoto per imparare a nuotare poi passata all’agonistica di pallanuoto. Dopo cinque anni di nuoto ho cambiato sport e sono passata alla ginnastica artistica – racconta Benedetta Arcelli – In questa disciplina ho vinto anche un campionato regionale. Ai 20 anni ho lasciato le gare e sono diventata insegnante con diploma Coni. Lo sport per me è importantissimo, quindi, e questo periodo di reclusione pesa molto. Mi alleno in casa, con l’armadio come compagno, e senza avere a disposizione attrezzature adeguate. Faccio pesi con le bottiglie”.

La laurea in Giurisprudenza e il lavoro legale non hanno interrotto l’attività fisica di Benedetta Arcelli perché “quello che ti dà la palestra non te lo dà nessuno, neanche un dolce al cioccolato. La palestra è la miglior medicina: allevia dolori, scaccia tristezze e malumori e quindi, adesso, questa situazione pesante mi fa soffrire un po’. Anche se ci sono situazioni ben peggiori da affrontare”.Pesi casalinghi-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E proprio per aiutare gli altri a sopportare e contrastare con altro spirito la reclusione che sono iniziate le lezioni su Facebook di Benedetta: “Bisogna trovare lo stimolo a non abbattersi in una situazione dura, cercare una soluzione, una via d’uscita a questo momento e lo sport è un buon compagno – conclude Arcelli - Dopo una prima lezione conoscitiva riprenderemo con gli esercizi che riguardano il corpo, le spalle, le braccia, le gambe e la schiena in un percorso completo con serie e ripetizioni. Consiglio a tutti, comunque, di calendarizzare dei momenti in cui allenarsi, almeno tre volte alla settimana e prenderlo come un impegno fisso. Può solo fare bene”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento