Coronavirus, annullata la processione del Cristo Morto a Cascia: "Dal 1300 neanche guerre e terremoti l’avevano fermata"

Il Sindaco di Cascia Mario De Carolis, a nome dell’amministrazione comunale, comunica infatti che a causa del Covid-19, la Processione del Cristo Morto che ininterrottamente si svolge nella città di Santa Rita dal 1300, è stata annullata

Il Coronavirus ferma una delle Cerimonie religiose più rappresentative dell’Umbria. Il Sindaco di Cascia Mario De Carolis, a nome dell’amministrazione comunale, comunica infatti che a causa del Covid-19, la Processione del Cristo Morto che ininterrottamente si svolge nella città di Santa Rita dal 1300, è stata annullata. “Colgo l’occasione – dichiara De Carolis – per ringraziare tutti coloro che si sono adoperati per organizzarla e rappresentarla. La vicinanza va alla Confraternita della Buona Morte per l’impossibilità di realizzare una processione che nemmeno due guerre mondiali avevano fermato”.

“Dal 1300 – dichiara il Priore della Confraternita della Buona Morte, Mario Bruni – nulla ha mai bloccato la nostra Processione del Cristo Morto né le grandi guerre del passato, né terremoti o maltempo. Ogni anno il Venerdì Santo i casciani hanno mostrato la loro devozione che tutti noi sentiamo nel cuore e che purtroppo per le restrizioni legate al propagarsi del Covid-19 non potrà avvenire. Non sarà possibile quest’anno sentire e partecipare tutti insieme a questo momento che accoluna e unisce. Neanche il terremoto del 2016 fermò la processione che si imitò a cambiare l’itinerario secolare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma quest’anno, spiega il Priore, "non sarà possibile. Non vedremo illuminate le vie della città, non potremo pregare vicino al Cristo Morto che da secoli rappresenta la nostra devozione. Non sarà possibile fare nulla che ricordi la nostra amata processione. Ma chiediamo ai devoti e fedeli legati a questa tradizione di vivere il Venerdì Santo con lo stesso Spirito, uniti, tanto più in questo momento di grande sofferenza. La processione del Venerdì Santo legata dal 1329 al movimento dei disciplinanti di Cascia ha radici tra i flagellanti– ricorda il Priore Bruni – che attraverso la flagellazione esortavano il perdono dei peccati, una sorta di catarsi. Nel 1700 la compagnia dei flagellanti fu detta Confraternita della Buona Morte e, in quegli anni, rappresentò la prima processione scenografica commovente, alla quale parteciparono settemila persone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Al confine tra Umbria-Toscana: terribile schianto in A1, quattro vittime tra cui due bimbi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento