La città che cambia - La Cittadella Giudiziaria non è un più miraggio, ecco tutti i vantaggi per Perugia

Firmato a Roma il protocollo d'intesa per avviare la realizzazione della Cittadella Giudiziaria. Il sindaco Romizi: Momento storico per Perugia che aspettiamo da 20 anni"

IL PROGETTO - L’intesa che è stata sottoscritta questa mattina, prevede la rifunzionalizzazione delle due ex carceri (machile e femminile), dismessi dall’uso penitenziario nel 2006, ma di grande valore storico-monumentale e urbanistico. Questo permetterà di dare attuazione al piano di razionalizzazione dell’Agenzia del Demanio, già approvato dal Ministero della Giustizia nell’aprile 2017, che prevede l’eliminazione di questi luoghi ad oggi abbandonati, oggi detenuti dagli uffici giudiziari di Perugia. 

Il protocollo d'intesa, che avrà una durata di cinque anni, le parti si impegneranno - nell rispettive competenze - ad avviare una collaborazone finalizzata a creare tutte condizioni necessarie per la realizzazione (rapida ed efficace) della Cittadella Giudiziaria nei due complessi individuati. 

“Quella di oggi è una tappa importante nel percorso, fortemente voluto da tutti i soggetti coinvolti, per la realizzazione della cittadella Giudiziaria a Perugia” – hanno sottolineato la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e l’assessore regionale alle opere pubbliche, Giuseppe Chianella. Tra i firmatari del documento, che impegna gli enti coinvolti nel reperimento delle risorse necessarie, oltre al Comune di Perugia e alla Regione Umbria, i Ministeri di Grazia e Giustizia e delle Attività culturali e l’Agenzia per il Demanio. 

IL TAVOLO TECNICO - Per la realizzazione del progetto verrà creato un Tavolo Tecnico, compoto dai rappresentanti che hanno sottoscritto il proocollo e sotto coordinamento  dell’Agenzia del Demanio, inizierà a riunirsi entro 20 giorni da oggi. Il Tavolo avrà il compito di individuare tutte le soluzioni tecnico-economiche e i percorsi amministrativi adeguati al raggiungimento dell’obiettivo e di definire gli aspetti tecnici e le modalità di confronto con il professionista esterno incaricato dall’Agenzia del Demanio di redigere il “Piano urbanistico-edilizio attuativo”, oltre a vigilare sulla corretta e tempestiva attuazione del Protocollo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

  • Maestro di danza muore mentre fa lezione a Santa Maria degli Angeli

Torna su
PerugiaToday è in caricamento