Città di Castello in lutto, morto Alfio Carletti "pioniere dell'assistenza domiciliare": il cordoglio del sindaco Bacchetta

Da qualche anno in pensione, era componente del consiglio di amministrazione del "Muzi Betti". La giunta e i consiglieri del Psi si stringono intorno alla famiglia

“La morte di un amico, un professionista dell’assistenza e solidarietà, di un amministratore pubblico, tifernate verace e appassionato militante di partito come Alfio Carletti ci lascia sgomenti. Si fa fatica in questi momenti a trovare le parole giuste per sintetizzare ricordi, sentimenti e dolore per la perdita di un amico vero, una persona perbene dal grande cuore che ha manifestato in ogni occasione in cui si è trovato ad agire. Alfio Carletti era tutto questo e non solo, era soprattutto un marito, genitore e nonno affettuoso. Ci macheranno tanto il suo sorriso, la sua bontà, la sua dedizione al prossimo e ai valori di amicizia e appartenenza. Caro Alfio non ti dimenticheremo e faremo tesoro dei tuoi preziosi insegnamenti.”. Così il sindaco Luciano Bacchetta. commenta la scomparsa di Alfio Carletti, 67 anni, “amico” fraterno e stimato professionista della sanità locale e comprensoriale.

Coordinatore e responsabile infermieristico del Centro di salute mentale, pioniere dell’assistenza domiciliare della Asl 1, Alfio Carletti, da qualche anno in pensione, era stato nominato dal sindaco a far parte del Consiglio di Amministrazione dell’Asp “Muzi Betti”, ruolo che svolgeva con passione, competenza e dedizione. Nel rinnovare le più sentite condoglianze alla famiglia, alla moglie Lauretta Polidori, alla figlia Francesca, al nipote Alessio e al genero Carlo, il sindaco Luciano Bacchetta, ricorda con commozione e gratitudine “la militanza politica nel Psi, gli incarichi svolti e la sua totale dedizione all’organizzazione di eventi e manifestazioni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Appassionato escursionista faceva parte del Cai (Club Alpino Italiano) di cui era infaticabile sostenitore e promotore di numerose iniziative a contatto con le montagne, la natura e i suoi paesaggi. Al cordoglio del sindaco Luciano Bacchetta, si uniscono tutti i membri della giunta comunale, in particolare gli assessori, Riccardo Carletti, Massimo Massetti, il capogruppo consiliare, Vittorio Morani e tutti i consiglieri del Psi sgomenti per la perdita di un “caro amico”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, il bollettino in Umbria 2 aprile. Altri segnali positivi: aumentano i guariti e 4mila fuori dall'isolamento, contagiati di nuovo in calo

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 2 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento