Giornata della Memoria, il vescovo di Assisi Sorrentino: “Continuiamo a testimoniare il bene dei Giusti della Shoah”

Medaglie d'onore consegnate ai familiari di tre deportati nei lager nazisti, la testimonianza di Gioia Bartali

 “È tempo di scoprire i valori fondamentali dell’amicizia e della fraternità”. Lo ha detto il vescovo della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino, durante la cerimonia della Prefettura di Perugia, in occasione delle iniziative per la Giornata della Memoria, che si è tenuta venerdì 25 gennaio alla Sala della Spogliazione del palazzo vescovile di Assisi, dove dal maggio scorso si trova il Museo della Memoria.

Il vescovo dopo avere ricordato l’importanza del vescovado quale luogo di grande apertura dove vennero nascosti e salvati gli ebrei ha mostrato la sua preoccupazione per il fatto che “in Italia sta crescendo il sentimento razzista e xenofobo. Ed è proprio per questo – ha aggiunto - che dobbiamo testimoniare oggi quello che fecero allora i Giusti della Shoah”. La cerimonia, alla quale hanno partecipato le massime autorità militari e civili, era stata aperta dai saluti del sindaco di Assisi, Stefania Proietti che ha sottolineato l’impegno dell’intera città per la salvezza di circa 300 ebrei arrivati durante le persecuzioni razziali. Prima della consegna delle “medaglie d’onore ai cittadini italiani, militari e civili, deportati ed internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra” il prefetto Claudio Sgaraglia ha sottolineato il valore di questa giornata per testimoniare il bene, affinché persecuzioni come quella nei confronti degli ebrei non si verifichino più.

A ricevere le medaglie sono stati i familiari di Giuseppe Conforto, di Nello Marzi e di Giuseppe Vandone. Presenti gli studenti del liceo classico “Properzio” di Assisi. Dopo la consegna delle medaglie, sono seguiti i saluti di Gioia Bartali, nipote del grande campione del ciclismo che ha raccontato del viaggio fatto ad Auschwitz con gli studenti e alcuni sopravvissuti alla Shoah, organizzato dal Miur e dall’Ucei. “Sapevo che andare in quei luoghi mi avrebbe fatto male – ha affermato Gioia Bartali -. Chiunque va in quei luoghi ha un momento di grande riflessione. Ho continuamente dei ricordi, dei passaggi. Continuerò questo viaggio in memoria di coloro che sono morti e di chi ha perso i genitori o familiari. Sono convinta – ha precisato - che mio nonno non ci ha pensato più di tanto quando gli hanno chiesto di entrare nell’organizzazione clandestina che salvava gli ebre. Si sarà sentito un privilegiato e lo avrà fatto con estrema umiltà”.

Altri appuntamenti sono in programma lunedì 28 gennaio alla scuola “Galeazzo Alessi” di Santa Maria degli Angeli dove ci sarà la testimonianza di Viviana Salomon, figlia di genitori sopravvissuti alla Shoah e giovedì 31 gennaio alle ore 15,30 nella Sala della Conciliazione del Comune di Assisi dove ci sarà il racconto di Roberto Cerniani di Trieste su  “Come le famiglie Mayer e Cerniani furono nascoste e salvate in Assisi”. Domenica 3 febbraio alle ore 15,30 ci sarà il tradizionale percorso alla scoperta dei luoghi assisani della Memoria con la visita al convento delle Suore dell’Atonement dove furono nascoste diverse famiglie ebree. Lunedì 18 marzo alle ore 10,30 al teatro Lyrick di Santa Maria degli Angeli si terrà il racconto teatrale di Paolo Mirti “Nuvole – Da Firenze ad Assisi con la libertà nascosta della bicicletta di Gino Bartali”. In questi giorni tante scuole sono in visita al Museo della Memoria dove vengono organizzati laboratori e percorsi ad hoc per gli studenti di ogni ordine e grado

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sotto processo per evasione fiscale per la bolletta choc da 1 milione di euro

  • Cronaca

    Pasqua sicura sui treni e nelle stazioni, i consigli di sicurezza della Polfer

  • Cronaca

    Rissa nel parcheggio del supermercato a Perugia, quattro finiscono in manette

  • Cronaca

    La casetta di legno senza fondamenta è ugualmente un abuso e va demolita

I più letti della settimana

  • Tragedia lungo la strada a Perugia, Stefano muore a 43 anni: lascia tre figli

  • Tragico schianto con la moto, ospedale di Perugia in lutto per la morte di Stefano

  • Inchiesta sanità - Le false accuse per "bastonare" la primaria ribelle di Pediatria

  • Marsciano, schianto tra una moto e un'auto: centauro in codice rosso

  • Sanità, si allarga il numero degli indagati nella maxi inchiesta dell'Umbria

  • Sanità, le intercettazioni. Marini: "Ce l'hai tutte? Ha da fa la selezione...". Duca "Qui ce so le domande"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento