INVIATO CITTADINO L'antica Fonte dei Tintori tornerà a splendere, via ai lavori di restauro

Grazie all'Art Bonus le somme sono disponibili e i lavori stanno per partire

Preparazione del contesto per l’avvio dei lavori, lungamente attesi, del restauro alle Fonti dei Tintori. Siamo a valle della zona della Conca, ricca di acque – termali e non – fin dai tempi della Perugia romana. Non è un caso che in fondo a San Galigano fossero attive le terme che restarono aperte fino alla prima metà del Novecento. Tanto che quella Porta è anche chiamata “Balnearia”, in quanto prossima ai bagni termali. Circostanza testimoniata dal Mosaico d’Orfeo, antica piscina termale poco sopra, oggi incapsulata dentro l’università.

Qui, a monte di Porta Conca inferiore o Nuova, si trovarono i macelli del Comune, oggi sede di Giurisprudenza. Poco sotto furono attive le cosiddette tardomedievali Fonti dei Tintori dove appunto, lanaioli e tessutari (Ars Tintorum et Cultrariorum = tintori e fabbricanti di coltri) esercitavano l’arte della tintura dei tessuti, ripassandoli nelle due vasche maggiori.

Tra le arcate spicca un Grifo perugino scolpito su pietra serena. Ma l’antica struttura, più volte modificata dal Comune (nel terzo archetto fu addirittura ricavato un ripostiglio per gli attrezzi), marca visita da qualche anno. Ed ecco arrivare in soccorso l’Art Bonus, in cui la Vetusta eccelle fino ad aver ricevuto la medaglia del primato dell’italico stivale (non in termini assoluti, ma in proporzione alle dimensioni e al numero dei residenti). Grazie ai cittadini e all’attivismo operoso di Lorena Pittola, delegata al settore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora le somme sono disponibili e i lavori stanno per partire. La difficoltà primaria era costituita dalla vegetazione arborea che infestava la parte superiore delle Fonti e le fiancate laterali, ormai di fatto invisibili. Così un consistente gruppo di operatori dell’Agenzia forestale si è impegnata, con uomini e mezzi, a togliere quell’ostacolo: tagliando, segando e rimuovendo il materiale legnoso di risulta. Ed ecco che le Fonti, liberate anche dai rampicanti, sono adesso visibili nella loro rustica bellezza. A breve verranno ripulite, risanate, riportate a dignità. Anche le vasche, opportunamente svuotate, verranno migliorate e liberate dai materiali inquinanti, da muschi e da immondezze. Un lavoro che renderà onore a questo prezioso reperto del tardo Medioevo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento